accedi   |   crea nuovo account

C'è Dio?

Ci siamo noi e nessun'altro a cui chiederlo.
Tenetelo a mente nel caso che vi siete stancati di arrmpicarvi sugli specchi. Io adesso sto decisamente meglio.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

17 commenti:

  • maria teresa di donato il 22/01/2012 04:08
    Resta comunque un monologo, con interlocutore fisico oppure... assente. Ma c'è. E ci dev'essere.
  • Luigi Lucantoni il 27/10/2007 19:26
    Certo, non intendevo essere assoluto nel mio giudizio.
    Io parlo seguendo la regola del rasoio di Okkhan (che sicuramente ho scritto male). Lui può essere considerato il capostipite degli empiristi.
  • Riccardo Brumana il 27/10/2007 19:20
    Luigi, quello degli animali era solo un esempio non una regola, le eccezioni ci sono ovunque... anche alcuni uomini non vedono il proprio spirito... rispetto la tua idea, volevo semplicemente dar voce all'altra campana, la mia. non è forse vero che per stimarsi si deve anche essere diversi?!?
  • Luigi Lucantoni il 27/10/2007 19:08
    Anche le scimmie antropomorfe si riconoscono allo specchio.
    Trovo semplicemente metafisico il concetto di anima.
    Ed io invece seguo il punto di vista degli empiristi
  • Riccardo Brumana il 27/10/2007 19:02
    credo che anche un cardinale abbia dovuto porsi "La domanda" per diventare tale...
    prendere coscienza che Dio è anche in te, in me, in ognuno; non è facile! poichè non c'è niente di più difficile che prendere coscienza di se... è nella natura di ogni essere vivente, a noi ad esempio pare normale guardarci allo specchio e riconoscerci, è un traguardo che abbiamo tagliato da tempo "sono io quello allo specchio!" sembra banale ma così non è... avete mai provato a mettere un animale davanti ad uno specchio?
    ebbene le persone di spirito hanno preso coscenza della loro anima... e quando guardano Dio si specchiano poichè sono della stessa sostanza. non è arroganza, è l'insagnamento del Messia...
    Lui è in noi e noi siamo in Lui...
    carne della carne;
    Spirito dello Spirito...
  • Luigi Lucantoni il 27/10/2007 18:36
    Io in effetti sono miscredente.
    poiché Dio lo vedo in primo luogo come un concetto, ciò vuol dire che la mente umana è il punto di partenza.
    Mi rivolgevo agli altri
  • Riccardo Brumana il 18/09/2007 23:37
    sono d'accordo, la risposta è denteo di noi.
  • Luigi Lucantoni il 08/07/2007 18:16
    Darwin non era affatto ateo e le sue teorie si sono rivelate dei fatti, non delle opinioni.
  • augusto villa il 08/07/2007 15:32
    È troppo grande il "Creato" o a questo punto, il "Formato"...È troppo grande per noi piccoli granelli di sabbia in una spiaggia immensa... Io penso che ci sia... ma comunque mi considero poco più del nulla rispetto al mistero della vita!... e dico che Darwin era un presuntuoso!!!... io non credo alle sue teorie... del resto era un granello di sabbia pure lui e non era per niente umile!... e la mancanza di umiltà non mi piace!
  • Cleonice Parisi il 21/06/2007 19:15
    Talvolta affidarsi a mani superiori ci esenta in qlc modo dalla nostra responsabilità di vita, rallentandoci nella crescita, il primo pensiero dell'uomo consapevole è appunto quello da te espresso, ci siamo noi, e nel cercare noi stessi troveremo una luce nuova. Sempre umile pensiero di una pensatrice ))
  • Luigi Lucantoni il 11/06/2007 18:58
    Dimostrare un concetto astratto (includo anche Dio) per me è quanto di più insensato si possa tentare.
    Grazie ancora Carmela x l tua partecipazione. Se leggi qualche mio racconto avrai forse in idea più chiara delle mie posizioni. Ciao!
  • carmela arpino il 11/06/2007 18:52
    esiste... non esiste... che importanza ha? io sento che c' è e mi basta questo... se qualcuno ( magari tu?) riuscisse a dimostrare scientificamente che non esiste per me non cambierebbe proprio nulla... la sua esistenza è un dono che faccio a me e alla mia vita... comunq bravo... riesci sempre a stimolarmi un commento
  • luigi deluca il 28/05/2007 06:19
    L'ammettere che non c'è "nessuno" al quale imputare le nostre colpe o ringraziare per i nostri successi, denota un uso "logico" della intelligenza!
    gigi
  • Rosarita De Martino il 13/02/2007 07:05
    Ed è proprio dentro di noi che dobbiamo cercare, perchè altrimenti resterà sempre un vuoto che cercheremo di riempire con idoli che lasceranno sempre l'amaro in bocca.
    Ti auguro di trovare la Verità!
  • Luigi Lucantoni il 12/02/2007 22:12
    La tua lettura Teodoro è errata. Essendo ateo non posso prendermela con Dio e comunque non ho accusato nessuno in questo aforisma
  • Teodoro De Cesare il 02/02/2007 19:18
    perchè prendersela con dio?
  • Adriano Di Carlo il 22/01/2007 22:48
    mi sembra più un aforisma che una poesia, oppure una poesia filosofica, nn ci sono veri versi. cmq, contenuto interessante.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0