PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Essenze

Vi racconterò
del monte che io e mio
figlioccio
visitammo
tanti anni fa andando
continuamente
raccogliendo essenze per
la nostra nonna

Le bici corrono
solcano
l' asfalto che è
consumato
lungo una strada che è
deserta
affiancata da alti
eucalipti
danzanti al vento impetuoso
Case familiari
una salita che è
faticosa ma non
demordiamo io e te

Ingresso segreto per
un luogo altrettanto
segreto
alto si erge
odore emana
acqua possiede
essenza chiamata asparago
i piedi
picchiano
la terra solcata
e lentischio e ginestra
e pini e cipressi

E parliamo
non ci stanchiamo
io e te
raccogliamo
noi setacciamo
qui cerchiamo
lontano scrutiamo
la vetta del monte
essenze profumate

Busta piena
sorridi
nei tuoi ricci neri
mentre ti chini

123

l'autore Giuseppe Tiloca ha riportato queste note sull'opera

Le essenze sono semplicemente gli asparagi che io e mio figlioccio andavamo a raccogliere al monte di guardia grande.. da ora in poi.. non ci siamo più andati, causa... tutto nella poesia


1
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • Dolce Sorriso il 03/04/2010 11:42
    trasmetti emozioni e sentimenti forti... sei bravissimo Giu...
    smack
  • Giuseppe Tiloca il 02/04/2010 21:55
    È molto lunga e ti ringrazio di avere letto Karen
  • karen tognini il 02/04/2010 14:48
    Giuseppe...è struggente... sei molto bravo a trasmettere emozioni!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0