PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Tempesta

Scoglio,
silente e solitario,
che,
ti ergi
nel mare tempestoso,
quanto simile all'uomo sei,
sempre in lotta
con l'avverso fato
in balia di correnti,
che giorno dopo giorno
goccia a goccia
scavano solchi
scardinano corazze,
inutili difese
contro il male,
che lento s'insinua
nelle falle
dell'anima
e ci svuota delle energie,
lasciandoci ombre
sole con noi stessi.

 

0
3 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Giada Aliffi il 02/04/2015 22:53
    Molto efficace quest' ermetismo per dare l'idea dell'asprezza dello scoglio in mezzo alla vastità marina che riflette a pieno la solitudine dell'uomo in un mondo avverso, pieno d'insidie e delusioni.

3 commenti:

  • rea pasquale il 11/06/2010 21:39
    una tempesta che ci consuma e ci sfinisce, ma dopo arriva la quiete.
    molto bella.
    Ciao
  • Anonimo il 02/04/2010 21:17
    Immagine suggestiva! la tempesta, la furia, la rabbia consumano la nostra fermezza che piano, lentamente cede, permettendogli di insinuarsi nei nostri punti deboli svuotandoci fino a diventare caverne senza luce e in quel buio,,, tutta la solitudine!
    Molto bella e quanto tristemente vera!
    Bravissimo Fabio
  • karen tognini il 02/04/2010 14:44
    Bella... questa tempesta... dell'anima!

    buona Pasqua

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0