PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il cercatore

A picconate in miniera germoglia il diamante
l'oro dal fango fiorisce nei fiumi
l'amore che cerco dove nascondi?

cercai all'inferno e poco trovai
un dio innamorato dei difetti dell'uomo
che dal paradiso era fuggito
ed ora accoglie assassini e gelosi d'amore

cercai nel mare e poco trovai
fra le lenze dei marinai vidi solo
esiliati dal continente e dal cuore
a cui il sale ha indurito le vene

cercai sulla terra e poco trovai
solo un gran talento a morire

cercai nella mia donna e poco trovai
un seno due occhi una bocca
un ventre gonfio
e un sorriso vecchio ormai

guardai in me e poco trovai

tornai a cercare oro e diamanti
per salvare dalla povertà mia moglie e mio figlio

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Alessandro Venturelli il 11/04/2010 12:16
    La tristezza permette di apprezzare meglio le cose belle quando appaiono.
    E poi infondo lavorare per aiutare altri è una forma di amore, meno evidente ma più pura di tante altre.
  • tania rybak il 11/04/2010 01:31
    Dio disse:non avete perché non chiedete o perché chiedete male. sono sempre molto tristi le tue poesie, scritte bene, ma tristi, ci vuole ottimismo nella vita e vedrai il bicchiere sempre mezzo pieno

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0