accedi   |   crea nuovo account

Filastrocca del ricordo

Ricordo i pomeriggi lenti, accesi di arancio e di celeste
una casa accanto al mare, con la gente alle finestre
ed i respiri liberi, di chi non ha null'altro a cui badare
e il fumo di una sigaretta che si allunga verso il sole

ricordo i giorni della scuola, passati in mezzo ai corridoi
a parlare di una squadra che non vinceva mai
e ritrovarsi coi compagni davanti a dei distributori
per un caffè che sembra urina e un "vaffanculo" ai professori

e ricordo tutte le città in cui ci ho lasciato un pezzo
Parigi, Roma, Barcellona e ovunque non mi sia sentito perso
e amo tutti quei sapori, e amo questo ricordare
perchè ogni uomo ha la sua storia, e non si può dimenticare

 

1
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Anonimo il 08/04/2010 22:08
    È stupenda questa poesia, hai tutto dentro di te... nei momenti più veri esce tutto questo e diventa una bellissima filastrocca dei ricordi...
  • laura marchetti il 02/04/2010 15:12
    bellissima filastrocca, bellissimi ricordi di una vita VERA, bravo