PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Non esiste riposo per me

Come potrei sperare in un destino migliore.
Come potrei credere che non sei tu la causa della mia dannazione.
Come potrei smettere di amarti.
Sono un essere inetto.
Sono un essere debole.
Sono un essere vuoto.
Sono un essere a cui non è stata concessa alcuna speranza.
Sono un essere a cui non verrà mai concessa la redenzione.
E tu crudele Angelo mi sorridi sadicamente.
Ridevi della tua fortuna.
Ridevi della mia disgrazia.
Io piangevo e tu ancora una volta con infinita crudeltà,
ridi guardando le mie lacrime che rigano il mio volto pallido.
Io tristemente, inesorabilmente schiava,
di un crudele Angelo travestito da dama innocente mi torturi,
mi evisceri di ogni cosa, ogni sentimento, ogni emozione.
Di me dopo il tuo passaggio non rimane più nulla.
Di me dopo il tuo passaggio non rimane altro che un cuore incenerito e inaridito.
Terram. Terrae. Cinerem. Cineri. Pulverem. Pulveri.
Ma per me non esiste riposo, non esiste la pace eterna.
Io sono condannata a restare tua per sempre.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • ciro la ferola il 09/04/2012 15:40
    ecco, buona pasqua e buona fortuna per il tuo amore
  • Regina Ghiglietti il 06/04/2012 09:53
    buongiorno Ciro, grazie del commento e ora dopo un po' di anni mi sono innamorata di un'altra e decisamente le cose vanno meglio^^
    Buona Pasqua Regina
  • ciro la ferola il 04/04/2012 14:57
    questa poesia ha u suo peso, un peso che hai il piacere di portarti dentro lungo tutta la lettura... e però rimane anche la convinzione che l'autrice se lo porterà per sempre, e per sempre non si può portarlo con piacere, perciò ti auguro di innamorarti di qualcuno che non ti dia in cambio "infinita crudeltà", perchè come si può amare una persona così?
  • Regina Ghiglietti il 03/04/2010 14:50
    Grazie Nicolas, apprezzo il tuo commento.
  • Anonimo il 03/04/2010 13:51
    Versi duri come macigni. Poesia intensa. Brava.
  • Regina Ghiglietti il 03/04/2010 10:52
    grazie Paola sei troppo gentile^^
  • Anonimo il 03/04/2010 01:43
    Sentitissima... Ti auguro comunque di ritrovare serenità... pace nel tuo cuore...
  • Regina Ghiglietti il 03/04/2010 00:27
    grazie Adamo^^ hai ragione ma ognuno si sceglie la propria strada c'è ki la fa alla luce del sole ki magari prende la via più lunga l'importatnte è arrivare...
  • Adamo Musella il 02/04/2010 23:03
    Il cammino è spesso condito di malinconia e dolore, ma io credo sempre che il sole ritorni sui nostri volti. brava Regina. baci.
  • Regina Ghiglietti il 02/04/2010 20:34
    grazie dolci amiche mie, grazie del vostro affetto incondizionato^^
  • francesca cuccia il 02/04/2010 17:56
    Grande è stata la tua sofferenza ricompensata con la stessa luce che ti ha fatto soffrire adesso risani le ferite del passato con lei l'amore, bella e grande sentimento ciao.
  • tania rybak il 02/04/2010 16:02
    cara amica,è molto forte la tua sofferenza. ma è altretanto lucida, ti auguro solo che un giorno, non lontano, tu possa essere felice e serena,, hai un cuore tenero, per un cuore così la felicità non può essere negata, grazie degli auguri, buone feste anche a te, un forte abbraccio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0