PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Radici

T'illudi senza controllo
sera annebbiata dal sonno
lasci che il gene deviante
viva la torbida quiete
tra le fiere già sbronze.

Remoto è il mio essere
da esso io nasco
e gli anni non mi hanno
cambiata poi tanto
se insisto da sempre così.

E'insita in me la paura
in modo perpetuo
frustrando ogni gioia
che sento e che getto.

Nessuno potrà mai sapere
il dolore che ho dentro incessante
come gli altri che mai canteranno.

Un dì veramente vorrei...
trovarmi a parlare con te
di tutti i miei pianti
e di tutti i tuoi pianti.

 

0
0 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

0 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0