PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il sacrificio

Gesù, a cena con i suoi amici,
con gli occhi lucidi e una voce triste dice:
"Il giorno di pasqua con voi avrei voluto passare,
ma per voler di Dio me ne dovrò andare."
Prese il calice e disse:
"Questo è il mio sangue, che per voi sarà versato,
nel modo che ogni vostro peccato possa essere lavato."
Poi prese il pane e disse:
"Questa è la mia carne che per voi sarà spezzata,
nel modo che la vostra anima possa essere salvata.
Questo gesto spesso lo dovrete fare,
perché il mio sacrificio non si deve dimenticare."
Poi disse:
"Il Figlio dell'uomo se ne va,
secondo quanto è stato stabilito,
ma guai a quell'uomo dal quale egli verra tradito."
Si girò ai discepoli e raccomandò:
"Non litigate mai chi di voi è il più grande,
i vostri impegni saranno tanti,
siate umili quando me ne andrò
e vi glorificherò."
Simone gli giuro la sua fedeltà fino alla morte,
ma Gesù rispose:
"Simone, non conosci bene la tua sorte,
vedrai, non appena sarò allontanato,
per ben 3 volte da te sarò rinnegato."
Poi disse loro:
"Quando siete stati con me, nulla vi è mancato,
ma da ora in poi, ogni uno di voi, deve essere preparato,
in tutto il mondo porterete la mia parola,
si avvicina sempre di più la mia scritta ora."
Al monte degli ulivi Gesù pregava supplicando:
"Signore, perché da me pretendi tanto,
ma tuttavia, sia fatta la tua volontà e non la mia."
Si alzò e disse ai discepoli:
"Perché dormite ora? Pregate,
perché tante volte sarete tentati."
Mentre parlava, si avvicinò Giuda e con un bacio,
tradire il figlio di Dio, ebbe il coraggio.
Come un ladro,
con i bastoni e le spade
l'hanno catturato,
colui che giorni prima con loro ha parlato.
Nel tempio predicava la pace e l'armonia,
dai soldati delle tenebre fu portato via.
Dopo averlo catturato,
lo condussero via e lo fecero entrare
nella casa del sommo sacerdote.
Pietro lo seguiva da lontano,
ma non si era accorto di essere caduto

12345

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

18 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 07/04/2012 15:44
    i miei più sentiti complimenti...
  • silvana capelli il 10/02/2012 14:08
    Ho rivissuto la passione di nostro Signore Gesù Cristo leggendola, mi ha nuovamente commosso. Molto sentita e partecipata.
    bravissima, spalancate le porte a CRISTO, diceva GivanniPaolo||
    La tua fede l'hai dimostrata nei tuoi versi, non fermarti...
  • Don Pompeo Mongiello il 07/04/2010 18:23
    Est un peccato che si perde in versi troppo lunghi.
  • alice costa il 07/04/2010 15:34
    una splendida descrizione!!!!
    bravissima!!!!
  • Donato Delfin8 il 07/04/2010 00:20
    Molto brava.
  • francesca cuccia il 06/04/2010 20:38
    Bellissima descrizione del sacrificio di Gesù per tutti quelli che lo hanno tradito, bravissima non dico altro.
  • Dolce Sorriso il 06/04/2010 15:07
    molto bella e sentita
    bravissssssssssima
  • denny red. il 05/04/2010 00:32
    tania.. lo letta con immenso piacere. brava!!
  • Anonimo il 04/04/2010 19:11
    Mi domando da dove trai tutta questa forza di fede... Io sono ateo ma ammiro molto la tua dedizione sincera
  • tania rybak il 04/04/2010 00:44
    un grazie e un abbraccio forte a tutti voi amici, vvb
  • tania rybak il 04/04/2010 00:41
    non per caso Gesù disse: " se a uno dei miei fratelli farete mancare qualcosa, lo farete mancare a me", ma disse anche: "non tenete nascoste le parole profetiche di questo libro;il tempo, infatti è vicino! L'ingiusto commetta pure ingiustizie, l'immondo si faccia sempre più immondo, e il giusto seguiti ad agire secondo giustizia e il santo si santifichi ancor più! Ecco, vengo presto;con me ho la mercede che darò a ciascuno secondo le sue opere." "Cosi sta scritto:il Cristo doveva patire e il terzo giorno risuscitare dai morti;nel suo nome saranno predicati a tutte le genti la conversione e il perdono dei peccati"
  • loretta margherita citarei il 03/04/2010 18:58
    ci sarebbe da dire un 'infinità , dico solo che il perno della fede è la Resurrezione, un segno forte di Gesù, per testimoniare veramente che era Dio, per vincere l'incredulità dei suoi stessi apostoli, per questo si manifestò a Maria di magdala, non a caso. non occorre guardare un film per commuoversi sulla sua passione, guardiamo la realtà quotidiana, Gesù è sempre iin mezzo a noi, lo troviamo nei poveri, gli emarginati, i violati nei loro diritti umani, più che fermarsi sul fatto evangelico, doloroso e drammatico della passione, impegnamoci come cristiani, a far sì che nessuno mai più sopporti il maritirio della croce, brava tania x aver scritto questi versi
  • augusto villa il 03/04/2010 17:35
    Gesù... era ed è Dio... Nel Credo, che è la Professione della fede... viene detto: "... e si è fatto uomo..."
    Complimenti Tania... e Buona Pasqua... a te e ai tuoi cari... e ai cari dei cari... e cosi' via... ahahahah...
  • laura marchetti il 03/04/2010 15:10
    Dolcissima Tania, sembri venuta da un altro pianeta, sai parlare, dire, commentare, trasmettere lezioni di vita con doti uniche di dolcezza e intelligenza. Non mi stancherò mai di dirlo ammiro la padronanza che hai della lingua italiana e riesci a dare sempre grandi lezioni di stile e di vita. Tu saresti una delle mie amiche preferite o una sorellina piccola capace tu, di guidare me... a te un bacio e tanti auguri
  • Regina Ghiglietti il 03/04/2010 15:01
    cara Tania credo che hai interpretato male ciò che volevo dire.
    Ho visto anch'io la Passione di Cristo e come te ho pianto, ho pianto perché quell'uomo voleva solo fare del bene come tutti i santi e tutti gli altri che sono morti per quello in cui credevano giusto.
    Quello che volevo dire io era semplicemente che la Fede non deve avere un corpo, la Fede è qualcosa di infinito e imperscrutabile, qualcosa che non può essere ucciso o ferito mentre l'uomo sì.
    È per questo che dico non sbamdieratemi gridava il suo pianto.
    Gesù voleva che la FEDE si salvasse è per la Fede che è morto ed è sempre per la Fede che ora tu come tanti altri lo venerate e adorate come è giusto che sia.
    Gesù aveva fede in Dio e nella bontà dell'uomo.
    Non so se sono riuscita a spiegarmi bene, credo di sì.
    Grazie per le parole di affetto nei miei confronti.
  • tania rybak il 03/04/2010 14:47
    grazie Regina di averla letta, il suo sacrificio ha un significato immenso per tutta l'umanità, quale altro Dio ha dato suo figlio per salvare tutti noi, credenti e pagani, 5 chiodi nel corpo, una corona spinosa, sputi e insulti, nella rivelazione a s. Brigida Gesù disse di aver ricevuto 5480 colpi di frusta sul suo corpo, hai mai visto il film "la passione di Cristo"? io si, ho pianto durante tutta la visione, sembrava che frustavano me in quel momento, io prendo atto dei miei sbagli, so che pur non volendo, capita che critico o offendo qualcuno, ma così facendo non faccio altro che insultarlo... Gesù non è una leggenda, Dio non è una leggenda,è storia scritta dai testimoni, che spesso sono morti per averlo testimoniato. s. Pietro e s. Paolo sono stati condannati a morte, tanti altri santi hanno fatto la stessa fine, solo perché hanno ricordato il suo sacrificio. l'inquisizione delle quali spesso parli tu non hanno fatto i cristiani, non quelli veri, Gesù predica la vita, non la morte, una vita eterna per tutti... che Dio ti possa benedire lo stesso, pure se lo rinneghi e credi in un altro Dio perché lo ritieni più giusto... un abbraccio e tanta pace a te Regina, un grazie infinito a Ugo
  • Regina Ghiglietti il 03/04/2010 11:22
    Buongiorno cara Tania è un po' luna ma d'altronde non poteva essere altrimenti...
    Molto bella, il sacrificio di Gesù è uno dei pochi scritti della Bibbia che condivido anch'io.
    Sacrificare se stessi per il bene di altri è una cosa onorevole che poche persone fanno.
    Però ora dico una cosa, non mi sbandierate gridava il suo pianto.
    Gesù era un uomo, non è l'uomo che va sbandierato è l'idea, il significato chiamatelo come volete...
    Troppe volte ho visto gente ignorante andare in chiesa senza neanche averla mai aperta la Bibbia tutti lì a ripetere le preghiere, senza avere la Fede senza sapere che opere di bene immenso ha fatto quell'uomo( accordandoci alla Bibbia s'intende) e inevitabilmente sbandierano l'uomo è sbagliato, non dovrebbe essere così.
    Questa è la mia opinione.
    5 stelline per il significato meraviglioso di questo Sacrificio^^
    Un abbraccio forte Regina
  • Ugo Mastrogiovanni il 03/04/2010 09:59
    "Il sacrificio" è un importante lavoro di Tania Rybak; assumersi la responsabilità di tradurre in versi il brano del Vangelo che tratta della Passione di Cristo non è un onere semplice. Lei se ne fa un onore e ci riesce, porgendo passo passo, con semplicità e chiarezza ogni dettaglio, semplificando ogni scena, quasi soffrendo e pregando per tutti noi che continuiamo a crocifiggero. Anche se la lunghezza del testo va alquanto a discapito dei canoni della poesia, il ritmo della versificazione è rispettato e non appare retorico. Ammirevole anche l'intento di voler partecipare indiscriminatamente a tutti, anche agli atei, il piedistallo del Vangelo, quello che è il riassunto del dolore e l'offerta della propria Vita per l'umanità.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0