username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Un giorno

Un giorno una fanciulla mi chiese:
"Perché ridi con gli occhi tristi?"
Un giorno un bambino mi chiese:
"Perché porti un peso tanto grande nel tuo cuore?"
Un giorno un Angelo mi chiese: "Vuoi morire?"
Un giorno la solitudine mi chiese: "Vuoi farmi compagnia?"
Un giorno il dolore mi chiese: "Vuoi diventare mia amica?"
Un giorno la morte mi disse:
"Ti porterò via tutto quello che hai di più caro"
Un giorno la morte mi portò via la fanciulla,
di cui mi ero innamorata.
Il bambino che divenne mio figlio.
Il mio Angelo che divenne la mia morte.
La solitudine fedele compagna di giochi.
Il dolore che divenne il mio migliore amico.
Io rimasi sola nelle tenebre.
A vivere la mia punizione immortale.
In compagnia dell'unica cosa che mi era rimasta. La morte.

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Regina Ghiglietti il 04/04/2010 11:30
    procediamo con ordine:
    Grazie Salvatore...
    Grazie Auro è quello che sto facendo^^
    Grazie Vincenzo, mi fa piacere che hai trovato la mia opera così bella^^
    Grazie Paola, eh sì è andata così non ci si può far nulla ormai...
    Grazie Silvia, se si sente tutto il mio dolore vuol dire che ho fatto il mio dovere di poeta e trasmettere le mie emozioni agli altri...
    Grazie Salvatore, sei molto gentile, il tuo commento mi riempie di sano orgoglio.
    Grazie Tania le tue parole commoventi mi fanno vedere la Luce in fondo al tunnel e hai ragione scrivo per metafore ma dico la verità perché la verità è l'unica cosa che conosco..
    Auguri a tutti che possiate sempre essere felici e avere la pace che ognuno merita...
  • tania rybak il 04/04/2010 00:49
    molto profonda e altrettanto triste, so che ogni parola che scrivi non sono solo metafore, in qualche modo ci credi davvero, perché sai essere sincera, ma io non smetterò di ripeterti che meriti la vita piena e appagata, per te, per il nome dell'amore in quale credi, per tutti noi che abbiamo imparato di volerti bene, un abbraccio
  • Anonimo il 03/04/2010 20:51
    Bellissima poesia per immagini e capacità di suscitare emozioni e riflessioni!
  • silvia ragazzoni il 03/04/2010 20:36
    si può sentire tutto il tuo dolore... un bacio regina
  • Paola B. R. il 03/04/2010 16:20
    Hai davvero un grande macigno nel cuore,
    ma, non è colpa tua... nessuna punizione...
    la vita è strana, è andata così...
  • Vincenzo Capitanucci il 03/04/2010 14:41
    Splendida Regina... struggente... morte.. solitudine... dolore...

    un gran peso nel cuore... un macigno...
  • Auro Lezzi il 03/04/2010 14:15
    Oggi ti dico.. Vivi i tuoi colori e dipingi la tua poesia..
  • Salvatore Ferranti il 03/04/2010 13:35
    quanta tristezza in questi versi... quanto dolore... mi è molto piaciuta comunque, perchè nasce dal profondo. è un'introspezione che risale... ad esprimere le emozioni che si sentono dentro

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0