username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il pianoforte

Nella stanza, lei seduta al pianoforte
distende le dita,
preme un tasto,
poi un altro, poi un altro ancora,
in successione.
La mano si scioglie,
inizia la magia.

Le gambe sono nude, le luci soffuse,
tra i tasti bianchi e neri
si aprono tesori, si svelano misteri.
Non è la sua mente
ad inventare la melodia,
la musica era già li nell'aria.
Solamente,
lei la cattura
e con le dita la mostra alla vita.
Come attimi
i suoni nascono e muoiono.
Come sassi
infrangono vetri di silenzio.

La notte è divisa in battute,
salite e discese sulle pause e sulle note.
Lei è un'equilibrista sul pentagramma
in bilico tra il bene ed il male,
tra il vero e l'irreale.
Scontro impari tra la normalità e la pazzia
dove il pazzo vince perché,
imprudente,
esplora i luoghi dell'inesistente.

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Anonimo il 28/02/2011 23:05
    Anche questa è da libro,
    si che non altro aggiungo.
  • vincent corbo il 17/09/2010 11:43
    Oggi avevo voglia di qualcosa di diverso e mi sono messo a spulciare tra le tue poesie... così ho trovato questo piccolo grande capolavoro.
  • Anonimo il 07/04/2010 12:49
    Descrizione magica! Bella poesia. Brava.
  • Donato Delfin8 il 07/04/2010 12:24
    Piaciuta.
  • Salvatore Ferranti il 07/04/2010 12:09
    splendida opera... mi ha lasciato senza fiato...
  • denny red. il 05/04/2010 23:18
    rosy.. sono senza parole.. la trovo di una bellezza strepitosa, io me la conservo, .. che musica!! questa poesia, super bravissima!! rosy, ma.. CHE BELLAAAAA!!!!!!
  • Barbara Scarinci il 05/04/2010 22:23
    L'ho letta, l'ho ascoltata, bella questa melodia!!! La musica, musa ispiratrice anche di tante mie poesie!!! Piaciuta
  • Anonimo il 05/04/2010 18:35
    Melodia e musica, il ritmo sonoro in cui potremmo riconoscere tutte le emozioni. I suoni nascono e muoiono, vero. Ma poi ritornano, se le dita giuste vogliono resuscitarli. Chissà se questa pianista senza tempo troverà la maniera per suonare anche la sua canzone, e non solo quella che sente nell'aria...
    strofe che lasciano alla fantasia la possibilità d'immaginare e al cuore la necessità d'ascoltare: brava

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0