PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

La mia essenza

Camminando sotto la Luna.
Il mio viso pallido in contrasto con i bagliori abbaglianti della città.
Di nuovo quella sete irrefrenabile.
Di nuovo non sento il battito del mio cuore dentro al petto.
Di nuovo quel suono nella mia testa.
Ancora una volta la tua immagine angelica mi strazia, mi dilania, è inutile resistere. Bevi, bevi il sangue della tua donna, falla soffrire, tradiscila e infine uccidila.
Dai Kim fallo ancora, d'altronde sei nata per uccidere le persone che ti amano.
Coraggio spiega le tue enormi ali nere.
Fiere come una rosa nera in un giardino di fiori di plastica.
Crudeli come una goccia di sangue in un bicchiere di latte.
Oscure come la morte inevitabile che ora ti tiene per mano.
Già, la morte, è arrivata a prendermi per accompagnarmi nel luogo senza ritorno.
L'inferno mi circonda e io anima dannata sorrido tristemente guardando il mio regno di tenebre.

 

1
7 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 19/02/2016 05:46
    bellissima... complimenti.

7 commenti:

  • Regina Ghiglietti il 06/04/2010 17:57
    cara Tania, io sono una persona che difficlmente riesce a perdonare se stessa e ancora più difficilmente dimentica le sofferenze specialmente se amavo tanto la persona che me le ha procurate...
    E onestamente spero e ti chiedo di continuare a commentare le mie poesie perché il tuo punto di vista è sempre giusto e pieno di affetto e poi credo che leggere parole di conforto possa aiutarmi a esorcizzare il mio dolore...
    La persona che mi ha fatto del male ora non può più chiedermi scusa...
    Un forte abbraccio Regina^^
  • tania rybak il 06/04/2010 17:51
    perché ami cosi tanto questo tuo regno di tenebre? hai un cuore puro e la mente oscura, tu sei sempre in contraddizione con te stessa, detesti l'ingiustizia in ogni sua forma e veneri l'inferno che crea l'ingiustizia, le persone scelgono da sole le proprie sofferenze, capisci al 90% dei casi siamo noi responsabili delle nostre sofferenze, nessuno ti giudica e ti condanna, ma tu continui ogni giorno torturarti da sola, non posso dire che la poesia è bella se è piena di dolore e sofferenza, posso dire che scrivi bene, ma visto che siamo in continua contraddizione dei punti di vista, penso che prossimamente leggerò le tue poesie, magari le voterò, ma non commenterò più per non ferirti, se avrai bisogno di me, potremo parlare in privato, solo se ritieni necessario, tvb
  • Regina Ghiglietti il 06/04/2010 09:46
    grazie Loretta..
  • loretta margherita citarei il 06/04/2010 05:41
    la solitudine è la morte, bei versi, brava
  • Regina Ghiglietti il 05/04/2010 21:01
    grazie Adamo sei molto gentile e hai ragione questo è il mio lato oscuro che per come la penso io è importante tanto quanto l'altro. baci Regina.
    Grazie Fra... un abbraccio anche a te^^
    Buona serata.
  • francesca cuccia il 05/04/2010 20:50
    Un doloroso ricordo che per rispetto di esso ti lascio un dolce abbraccio di luna, bravissima.
  • Adamo Musella il 05/04/2010 20:49
    Ci presentiamo con vesti diverse, questa quella oscura ma non è meno intensa dell'altra. molto brava Regina. baci.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0