accedi   |   crea nuovo account

A te che vuoi fare il poeta

"Poeta" ha un contorno confuso:
ti permette di parlare
quando vuoi
e non parlare quando devi.
Ma a te domando:
vuoi fare il poeta
com'è rammentato il falegname
dalla firma che solcò nel legno?
O sentirti
poeta
e scrivere per non leggere
mai più
le tue pagine accarezzate,
e lasciar fredde, a rapprendere
le violentate parole?

Forse non potrai mai farlo o forse
scriverai rubando alla notte
ore preziose come le gemme
che al tremare di una palpebra
ti scivoleranno
per rifugiarsi nell'alba.
Ma per esserlo
c'è da togliere tanto trucco
agli occhi dell'anima e
tagliare tutti gli ormeggi
alla prora dell'anima
che pochi vivono
per vivere di così poco.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • Anonimo il 05/02/2011 20:11
    Mi piacciono le tue poesie. Riesci a buttare i tuoi pensieri su una pagina con una semplicità sorprendente, che mi sorprende ogni volta. Complimenti, davvero.
  • Anonimo il 02/09/2010 15:03
    "O sentirti
    poeta
    e scrivere per non leggere
    mai più
    le tue pagine accarezzate,
    e lasciar fredde, a rapprendere
    le violentate parole?"

    Ho amato molto queta poesia, come tua poesia, oggi l'amo come mia...
  • Anonimo il 02/09/2010 15:02
    "O sentirti
    poeta
    e scrivere per non leggere
    mai più
    le tue pagine accarezzate,
    e lasciar fredde, a rapprendere
    le violentate parole?"

    Ho amato molto queta poesia, come tua poesia, oggi l'amo
  • tania rybak il 18/08/2010 23:45
    credo, che chi vuole scrivere, non è solo perché vuole fare il poeta, celebrità o altro, ma semplicemente raccontarsi con le parole diverse, ricche, perché chi scrive è ricco nell'anima e divide la sua ricchezza con gli latri, bella poesia
  • Michele Storti il 20/07/2010 21:32
    Grazie E Samsa, davvero... capita purtroppo che mi allontano per dei periodi dal leggere tutti voi compagni di penna, ma poi ci sono quelli che mi ricordano quanto rispetto, empatia, aiuto, stimolo si riceve da poche parole
    Non mancherò di sfogliare le tue pagine,

    ciao.

    Michele
  • Anonimo il 19/07/2010 00:44
    Insisto:
    "scriverai rubando alla notte
    ore preziose come le gemme
    che al tremare di una palpebra
    ti scivoleranno"
  • Anonimo il 23/06/2010 10:42
    "... togliere tanto trucco
    agli occhi dell'anima e
    tagliare tutti gli ormeggi
    alla prora dell'anima
    che pochi vivono
    per vivere di così poco."

    Questa bella "presa di coscienza" puo' essere solo opera di un poeta, e di Poeti ne abbiamo bisogno, per vivere, per morire... .

    E
  • Anonimo il 14/04/2010 21:08
    Mi piace.

  • Nicola Saracino il 07/04/2010 18:27
    Ma a te domando: metafore preziose come aforismi fanno collana di metafore e aforismi, che pochi chiudono con una fibbia d'oro? Ed è poi vero che l'anima si ormeggia di prora?
    Un cartolaio sadico fa il portiere di notte alla bottega dell'intarsio... Ciao e grazie. Nicola
  • francesca cuccia il 07/04/2010 17:35
    Far parlare il cuore e tutto esce naturale, forse non perfetta ma, sarà l'anima a parlare, complimenti.
  • Samuele Scagliarini il 07/04/2010 13:27
    Complimenti! Bella riflessione che condivido...
  • Donato Delfin8 il 07/04/2010 11:48
    Ottima.