username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Questione di stile

Se a volte
riesco a non essere banale
non è uno scherzo del destino
è il risultato di anni di letture
e di studi attenti
a testa china
sulle opere di chi un tempo
usò le rime
e scrisse elegie
prima che canzoni
e su chi decise
che non aveva più senso
seguire gli schemi
rigidi della metrica classica
ma non vuol dir questo
che chi mai ha letto
le poesie degli Grandi
e studiato Storia
possa mettersi a scrivere
quel che gli passa per la testa
e stabilire come fosse Dio in terra
di avere partorito una "Poesia"
chiunque può scrivere
siamo in democrazia
ma solo alcuni sono poeti
gli altri scrivono e basta
Ungaretti
fu uno dei primi a liberarsi
dalle catene del passato
volle essere breve
conciso come nessuno
ermetico
ma se lo avesse deciso
avrebbe potuto
imitare Dante
o scrivere come Ariosto
solo che avrebbe avuto poco senso
essendo lui uomo del Novecento...
cosi Picasso
cosi Guttuso
geni ma comunque dotti
per fare la rivoluzione
occorre conoscere prima
la natura del dittatore
che si vuol destituire
e non basta averne sentito parlare
non si può pretendere
di avere uno stile
se non si sa nemmeno
cosa vuol dire

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

25 commenti:

  • Gion Strusciante il 12/06/2011 15:40
    uh no, la tua poesia è stata scritta molto prima!! xD
  • Gion Strusciante il 12/06/2011 15:39
    wow!! sembra una risposta alla mia "ai sedicenti scrittori"!!
    su questo sono d'accordo: qualsiasi linguaggio artistico si voglia usare (pittura, musica, poesia o scultura che sia), per essere innovatori bisogna imprescindibilmente conoscere ciò che è venuto prima... Mi rifiuto di credere che Picasso non sapesse disegnare una natura morta!! xD
  • karen tognini il 11/04/2010 19:09
    Grande Salva... non so come mai mi era sfuggita...
    cerchiamo di trasmettere emozioni... poi.. chi può dire... se siamo o non siamo poeti?
    Magari fra 100 anni... saremo famosi... ahah...
    I pittori impressionisti... all'inizio... furono derisi...

    bellissima...
    un abbraccio... karen
  • Anonimo il 11/04/2010 17:50
    È proprio vero. Tranne i geni, nessuno s'inventa un mestiere, in questo caso il mestiere di scrivere. A volte ciò che scaturisce dall'anima non è poesia, ma solo istinto che ognuno è libero di mettere giù, scrivendo come meglio crede, ma senza la presunzione di definirsi poeta. Si arriva alla poesia attraverso anni di letture di grandi autori dai quali abbiamo imparato e tuttora impariamo, attraverso i dolori e le emozioni che hanno segnato la nostra vita. Non possiamo parlare di poesia moderna, se non conosciamo la grande influenza che ha avuto Pascoli sul linguaggio della poesia del 900. E che dire dei surrealisti spagnoli o dei poeti maledetti francesi? Questo vale per tutta l'arte in senso lato. L'arte è un sentiero lungo da percorrere ed ogni sua tappa ha bisogno di essere conosciuta ed approfondita. Perciò, concordo pienamente con Salvatore.
  • Ugo Mastrogiovanni il 10/04/2010 16:55
    Condivido pienamente Salvatore Ferranti; spesso non navigo tra la poesia, badate che ho scritto tra la poesia non nella poesia, l'ho fatto volutamente perché molto più spesso navigo nell'Inferno della poesia.
  • aldo battistelli il 10/04/2010 15:30
    L'arte non deve essere capita subito.. altrimenti non sarebbe arte...
  • Nilla Qualunque il 10/04/2010 15:28
    scrivere è una grandissima libertà. L'unica vera democrazia rimasta ormai.. sia per chi ha studiato, sia per chi non lo ha fatto..
  • denny red. il 10/04/2010 01:09
    .. passato, presente, futuro... ognuno ha il suo stile, grandi poeti? che ben vengano! io scrivo.. tu scrivi.. loro scrivono, lacrime dannate, su visi di seta, chiedono rispetto!! cmq tu sei bravo. ciao salva.
  • tania rybak il 09/04/2010 23:47
    pensare al fatto che uno sia più poeta dell'altro, come scrisse in questo sito un ragazzo"è come piantare le rose sul asfalto"(in realtà ha scritto una cosa diversa, ma mi è rimasta cosìciò che voglio dire è che non si possono contradire i sentimenti dei poeti, i loro versi sono un risultato del pensiero che sfiora la mano e porta tutti nei luoghi lontani, mai visti prima... la poesia(parlo per me)è bella se scaturisce emozioni, che non è scritta solo per esaltazioni e per la critica letteraria, per la concorrenza o per la personale gloria, ma solo per far gioire gli altri di emozioni vissute, forse ti sembrerà assurdo, ma per soltanto tecnica e stile, parole sofisticate non classificano la poesia come la migliore, la poesia è stile solo se fa stingere il cuore. cmq tu sei un maestro in questo
  • Paola B. R. il 09/04/2010 23:43
    Comunque lo stile è personale, per quanto uno abbia letto, studiato o persino laureato, con lo stile ci nasci: o ce l'hai o... dai Salva... questo è anche un gioco!!!! Un abbraccio
  • Elisabetta Fabrini il 09/04/2010 21:47
    Tu sei un Poeta e la tua è Poesia... bellissima..!!
  • francesca cuccia il 09/04/2010 18:57
    Ed il tuo è davvero stile bravissimo e i miei più sinceri complimenti.
  • mariella mulas il 09/04/2010 17:10
    Caro Salvatore... mi pare sia stato un po' severo... ciò che scrivi mi alletta ma nello stesso tempo mi rende triste... Sì, la poesia per me non è solo parole scritte in modo corretto o in stile. o in richiamo a metriche, o a letture classiche... La poesia è in ogni tempo, nel suo contesto preciso si delinea di emozioni e chi ha voglia di trascrivere di getto lascia al sentimento guidare la penna o i tasti del pc... La poesia è nell'uomo che esprime se stesso... nulla ha riferimento se non il suo esclusivo pensiero anche se errori d'ortografia o grammatica possono ferire la cultura di chi è esperto.
  • loretta margherita citarei il 09/04/2010 16:46
    sacrosante verità
  • Dolce Sorriso il 09/04/2010 10:57
    bravo bravissimo poeta...
    smack
  • Anonimo il 09/04/2010 10:43
    Bravo Salva.. concordo pienamente.. e concordo con Vinenzo.. Tu sei bravissimo!
  • Patty Portoghese il 09/04/2010 10:31
    Che meraviglia Sal, hai ragione è una questione di stile... Il tuo, è esemplare e non lo dico perchè sono di parte... Alter Ego... BRAVOOO!!
  • vincent corbo il 09/04/2010 10:12
    Io credo che chiunque scriva con il cuore sia un poeta.
  • Anonimo il 09/04/2010 10:04
    Mi trovo pienamente in linea con te e riaffermo quanto hai detto!
  • Anonimo il 09/04/2010 09:54
    Io sostengo per esperienza personale che la semplicità sia un ritorno all'origine e che scaturisca da tanto lavoro, sia intellettivo che manuale e da sofferenze elaborate in maniera ottimale. La tua opera è molto interessante.
  • rosella campelletti il 09/04/2010 09:14
    è vero non tutti son poeti, infatti noi scriviamo e con molta umiltà ci mettiamo in gioco senza tante pretese, ciao
  • Anonimo il 09/04/2010 09:01
    Non sono poeta, ma leggere poesie mi fa stare bene.
    E se scrivo qualche sillaba la mia vita si colora.
    Senza pretese, ma con tanta partecipazione
    con un universo scrivente che guarisce la mente
    allarga il cuore e avvicina a tutto il Creato.
    La tua poesia mi è servita per una breve riflessione.
    Grazie e salve Salva sì sì ss

  • Anonimo il 09/04/2010 08:52
    noi non siamo poeti,(almeno parlo per me), stiamo solo cercando di confrontarci scrivendo le nostre emozioni... comunque bella riflessione la tua...
  • laura marchetti il 09/04/2010 08:40
    sono d'accordo con te, ma per me poesia è anche un sorriso o una lacrima, senza presunzione Ungaretti e gli altri... quelli sono un'altra storia... sono d'accordo con te ma poesia è anche una canzone che può piacere o non piacere è qualcosa che colpisce l'anima e magari un grandissimo poeta potrebbe non dirmi nulla, vuoi perchè non lo capisco... tu sei sempre grande e fra i miei preferiti... un bacio
  • Anonimo il 09/04/2010 08:37
    Salva, vero, vero...
    per prima mi ci metto
    a non essere poetessa!!
    Scrivo di tutto un pò,
    racconto in prosa,
    ma poetessa proprio no!!
    Bellissima poesia, stile e senso giusti!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0