PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Poesiaccia d'estate

continuando
a raccoglier
pietre
nel fiume
rosso,
che scorre
sui nostri
esausti corpi,
ci copriamo
con ridicoli
nastrini di stoffa,
e
annoiandoci
a morire
senza una speranza,
strizzando l'occhio
dietro cristalli
oscuri,
zie e zii
e nonni e padri
e io,
sappiamo come stanno
le cose

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • ignazio de michele il 10/04/2010 23:45
    bravissimo, bei versi. mi piace
  • karen tognini il 10/04/2010 14:10
    Piaciuta... da applausi!!!

    bravissimo... Alberto
  • laura marchetti il 09/04/2010 09:20
    a volte ci si nasconde dietro apparenze ed ipocrisie, ma a volte conviene fare così...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0