PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ritratto

Cala mite il vento
sulla mia striscia di nicotina,
l'animo disperde
l'omino triste della sera prima,
che stava in disparte
anche se eri sempre più vicina,
che affoga nell'arte
di rasentare spesso la rovina.

Calamito il vento
sulla mia striscia di nicotina
parole sfuggenti
erano amiche fino a poco prima
raddrizzo i ricordi
solo ora ci sono arrivato,
la tua triste mediocrità
mi ha perfino migliorato.

Vorrei fosse tutto
come più volte ho immaginato,
ma dentro al passato
da qualche parte mi sono fermato.

 

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Chiara Marenghi il 18/09/2010 21:42
    Ritmo incalzante. bella e sorprendente. complimenti davvero.
  • Shabui. il 09/08/2010 10:50
    In merito a quanto detto sulla metrica la mia idea personale è che troppe regole formali bloccano il flusso poetico restringendolo a qualcosa di accademico che, a mio modesto parere sia chiaro, non è e non deve essere qualcosa troppo indispensabile a "noi".
  • giuliano cimino il 11/04/2010 23:14
    musicale, stupenda originale te la saprei musicare complimentiiii
  • laura cuppone il 09/04/2010 19:56
    trovo quest'opera piacevolmente musicale
    un ritratto
    una foto
    interessante
    arte di scrivere.

    Laura
  • francesca cuccia il 09/04/2010 18:26
    Mai fermarsi nel passato ho si rimane fermi dentro con essi, piaciuta, bravo.
  • Anonimo il 09/04/2010 16:47
    Poesia interssante, per quanto riguarda la metrica... beh, ognuno la struttura come meglio crede, non siamo classici! Altrimenti ben pochi avrebbero diritto a pubblicare in questo sito! O no? Complimenti Andrea!
  • Aedo il 09/04/2010 16:19
    Sono d'accordo solo in parte con Andrea: la rima, essendo irregolare, non crea musicalità e quindi non doveva essere utilizzata. Per il resto la poesia mi piace parecchio per la sua indagine introspettiva. Bravo!
    Ignazio
  • Andrea Arvati il 09/04/2010 15:10
    caro Andrea i tuoi commenti sono sempre utili, ficcanti e ben accetti... GRAZIE!
  • Anonimo il 09/04/2010 14:47
    Poesia strana, quasi, quasi un involuzione. La rima sa di Neo Lirismo, ricercata quasi fosse indispensabile. Hai fatto di meglio! Il tema buono, anzi ottimo. Danger! Riprova a rivederla stando al contenuto dell'anima e/o del sentimento che le parole possono esprimere non del verso, altrimenti consiglio una forma metrica, quale per farti un esempio il settenario. Sono convinto diventa un capolavoro
    P. s. Scusa stò rompipalle!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0