PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Il giardino

In fondo al vicolo l'immagine
della giovinezza che non è
più qui.

Un passato fatto di rose
appoggiato ad un asfalto
freddo e immobile.

Chiuso dentro
ad un giardino
appassito privo di luce.

Stanze buie... solitudine... malinconia:
tremende sensazioni.

Precipita così
nel silenzio l'unico istante:
l'unico amore.

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Gianna Ode il 20/05/2010 13:49
    perchè non pensare al futuro di rose, giardino profumati, il ns. cammino ha bisogno della luce interna, accendiamola... un amore profondo lascia comunque il segno... bella... un bacio. od
  • Anonimo il 15/04/2010 00:48
    tremo solo all'idea... i tuoi versi mi mettono angoscia, ma la vita scorre per tutti, se non le si sbarra il cammino...
  • Cristiana Oliva il 12/04/2010 23:11
    quanti pensieri nel silenzio di paure.
  • Antonietta Mennitti il 12/04/2010 15:27
    Addio giovinezza... Di te resteranno solo ricordi vaghi, spensierati... Di quel candore che non sentir òmai più... Bravo Sergio!
  • francesca cuccia il 11/04/2010 22:17
    Un giardino di rose appassite dalla tristezza, tenere parole, delicate.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0