username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Gli angeli

Ognuno ha al suo fianco un angelo
il mio si chiama vento.
L'ho scoperto una notte,
un colpo di vento ha spalancato
la finestra del mio cuore,
chiusa nella mia solitudine.
Mi sono affacciata,
i miei pensieri come nubi erano fuggiti,
per lasciare spazio alla luce della speranza
che si rifletteva in una luna sorridente,
incorniciata in un quadro di stelle
tanti volti di angeli buoni, persone
che sanno esternare i propri sentimenti
e che li tramutano in bellissime poesie
da leggere e conservare,
capaci di ascoltare.
Un vento caldo mi ha accarezzato
il cuore e di colpo ha guarito quelle ferite.
Il dolore da sordo è diventato cieco,
perdendomi di vista.
È fuggito a nascondersi
dove nessuno lo vuole,
da dove si spera non torni più.
Ci sono angeli, nella vita,
che con una sola parola, una sola carezza
ti fanno rinascere.
Ci sono diavoli,
armati con il forcone,
che godono se ti vedono soffrire,
ma questa... è un'altra storia.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

13 commenti:

  • Anonimo il 14/04/2010 10:02
    Angeli

    Una sera un uomo sentì il rumore di un sassolino sui vetri della finestra, scostò la tendina e rimase frastornato alla vista di una mano che, delicatamente, sosteneva un piccolo essere che aveva tutta la parvenza di essere un angelo. La mano entrò nella stanza e, con una voce armoniosa e angelica glielo porse, raccomandandosi di averne cura perché all'alba sarebbe passata a riprenderlo.
    L'uomo lo fece delicatamente scivolare tra le sue mani, appoggiandolo subito al guanciale per addormentarsi di felicità, col viso al fianco del sorriso di gratitudine di quello sfavillante e candido esserino alato.
    Quella notte scivolò senza rumori, come sempre accade quando se ne attende uno, e la mattina faticò ad albeggiare, come sempre quando si guarda il cielo chiedendosi il perché non sia totalmente nero. La mano ancora non arrivava, come sempre avviene quando se ne ha bisogno, e il piccolo angelo pareva non aspettare nessuno. Questo incespicare della realtà, che si dava quella tipica apparenza che hanno tutti coloro che non vogliono esaurire i propri compiti, innervosiva l'uomo e il suo stomaco che, insieme a lui, protestava. Sarà forse stato per il latte, cagliatosi nel frigorifero che non manteneva mai le promesse di una giusta e costante temperatura, o forse per il non poter uscire a fare colazione, nessuno lo potrà mai dire con certezza, ma quest'uomo si risolse in un'azione che definire "deontologica", riferendosi alla specie umana, non sarebbe neanche sbagliato.
    Peccato non avere avuto anche un po' di pancetta da sdraiare, accostata ai bordi del pentolino, in ogni caso il sapore era decente e quelle evanescenti alluce fritte... un po' al bacon assomigliavano...
  • Antimo Maddaloni il 13/04/2010 19:34
  • denny red. il 13/04/2010 01:26
    laura.. UN' ABBRACCIO!!!
  • francesca cuccia il 12/04/2010 20:39
    Lasciamo i diavoli che sono ovunque, pensare agli Angeli aiuta di più, davvero meravigliosa.
  • Salvatore Ferranti il 12/04/2010 20:26
    che bella questa poesia... molto musicale e profonda... ognuno ha il proprio angelo... e spesso lo si incontra, senza che nemmeno ce ne si accorge...
    bravissima
  • Anonimo il 12/04/2010 17:47
    poesia molto affascinante e interessante
  • rea pasquale il 12/04/2010 17:02
    L'umanità sarebbe migliore se tutti coltivassero il proprio angelo.
    Bella poesia.
    saluti
  • tania rybak il 12/04/2010 16:23
    tu sei un angelo. non devi temere mai i diavoli degli abissi, tu hai un cuore di burro, loro un cuore di gesso, m in ogni caso vinci sempre tu, perché sai amare, brava
  • Paola B. R. il 12/04/2010 15:50
    Anche tu sei un fantastico angelo!!!!!
  • Anonimo il 12/04/2010 15:16
    Bella Poesia Laura.
    È vero ci sono tanti Angeli anche nei meandri più bui.
  • Paola Panebianco il 12/04/2010 15:13
    Condividiamo lo stesso Angelo

    Bellissimaa
  • Simone Scienza il 12/04/2010 14:41
    Il dolore da sordo è diventato cieco,
    perdendomi di vista.

    Questi versi sono over the top Laura, non deludi mai
  • Anonimo il 12/04/2010 14:34
    brucia i diavoli e nutri gli angeli, solo cosi' starai meglio

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0