accedi   |   crea nuovo account

Libertà verticale

Parziale eclissi,
luna cade schivando ombre di ulivi
lungo i bordi sfumati
di sterile asfalto
Raggio rigenerato da stelle pulsanti
piccolo grumo di vita lontana
alimenta il silenzio di un contatto mancato col terreno

Parziale eclissi,
stento a crederci,
non riesco ad afferrare
sfugge il pensiero dalle mani,
e corro, percorro, soccorro i miei sguardi
lungo il bordo privo di confine

Ciò che rende parziale
è solo componente irrisolubile di me stesso
Ciò che stravolge
è nella piena normalità dei sensi
L'oblio non mio sfiora le palpebre di occhi miei ormai
solo in parte
E nel tutto che ribolle
Tenue luce parziale
Mostra a me il frammento
unico e sufficiente
a dimostrare
di essermi frammentato
come Amore aveva richiesto.

Torno a casa.

 

0
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Anonimo il 19/11/2009 22:09
    Belle
  • simona bertocchi il 03/02/2007 10:37
    È BELLISSIMA!!!! Perfetta fusione tra fisco e spirito, pensieri e azione, un groviglio di essenze che si solidificano.
    a rileggerti
    Simona
  • Antonio Pani il 25/01/2007 18:16
    Il tuo scritto mi fa pensare ad una intensa e toccante esperienza "fuori porta". Molto ben descritta e d'effetto.
    Molto bello il finale, bravo. A rileggersi.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0