PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ruota che gira

Come sequenze di un film vecchio
le passioni si accavalano
in un modo strano,
come un lungo serpente su una pianta amazzonica.
Le gelate sensazioni, senza preludi
salgono dai tombini
fumo nella stanza vuota
fumo tra le facce sbiadite di un bar,
Lei rimaneva ferma,
dopo la tempesta di parole
i bicchieri volati
e le risate di chi stava a guardare,
senza muovere un dito
in sua difesa.
Ubriaca, con la testa già pesante
non solo dall'alcol,
prese la borsa e continuò
il suo pellegrinaggio.
Dopo un paio di ore,
scesi e feci un paio di passi
e dal bagno,
mentre aspettavo di crescere,
usci con il volto stanco.
I suoi occhi scorrevano veloci
sullo specchio e sulla parete riflessa.
La vergogna scorreva su quello specchio,
su quella parete.
Le circostanze ci unirono per quel secondo,
sconosciuti nello stesso posto,
ognuno nel suo mondo,
e come spesso capita,
c'era chi se la passava meglio
e chi peggio.
Io ero nella prima situazione,
il resto nella seconda,
La velocità di una sigaretta accesa,
consumata e buttata,
fece scappare l'immagine riflessa
in quello specchio di vita,
e la coda dell'occhio scorse
un' ombra ciondolante scappare
verso chissà quale via...
forse una nuova,
o forse la stessa.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Dolce Sorriso il 23/04/2010 16:23
    piaciuta
    bravooooo
  • Gabriella Salvatore il 13/04/2010 22:43
    MOLTO BELLA! COMPLIMENTI!
  • Anonimo il 13/04/2010 20:15
    Piuttosto prosastica...
    Ma piaciuta per l'intensità. 5 stelle
  • Anonimo il 13/04/2010 17:04
    Aleks, un piccolo capolavoro di vita quotidiana...
    bellissima...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0