accedi   |   crea nuovo account

Fiori di neve

FIORI DI NEVE


Viaggia sull’ali del vento il canto degli internati,
narra dei lunghi inverni vicino al fuoco ove favilla
la fiamma che breve si smorza nella lunga agonia
dei lugubri campi di concentramento.
Un destino crudele accompagna filosofie e dialettiche
ogni uomo libero di credere, sognare, d’amare.
Strade solitarie, deserte e silenti
le macchine corrono , appaiono, svaniscono.
In questa interminabile storia d’amore e di tenebre
in questa folle canzone ove danza
questo povero corpo ignudo, ferito, preso a calci.
Se questo è un uomo.
Nel silenzio rifugge lo spirito
a pregare inni e salmi che sollevano
l’animo e lo conducono un po’ lontano dall’odio.
Giorno della memoria tante fosse comuni.
Questo umile canto d’amore.
Questo essere vittime e carnefici.
Questa breve tregua.
Questa infinita guerra.
Questo andare ancora tutti insieme incontro alla morte.
Il tedio dei giorni il tendere le mani ad afferrare farfalle elettriche
in volo libere su un manto di neve.
Ologrammi di giorni lontani.
L’ indifferenza conduce il verbo al patibolo.
La folla riunita in piazza tacita ammira
il cappio intorno al collo degli ultimi
applaude a veder bruciare gli antagonisti di questa storia.
Inverno, sogno divino, soffio d’un vento migrante
le mani si tendono, gli occhi ti guardano
mentre a gran passi svanisce nella nebbia il passante
e con lui la memoria del suo tempo.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • Anonimo il 03/06/2011 19:02
    Meravigliosa
  • Anonimo il 20/05/2011 16:07
    una cosa è certa scrivi molto bene complimenti...
  • alberto accorsi il 22/01/2011 21:55
    Non sempre riesce ad evitare accenti scontati e retorici
  • alberto accorsi il 22/01/2011 21:53
    Non sempre riesce ad evitare accenti retorici e scontati.
  • giuliana marinetti il 13/07/2009 16:48
    caro poeta , svanisce nella nebbia il passante e con lui la memoria
    del suo passato, tristemente commovente.
    un saluto Giuliana
  • Anonimo il 15/01/2009 11:57
    agghiacciante rimembranza di dolore infinito...
    bravo Domenico!
    cecchi. infinito. it
  • Francesca Paola Quartararo il 20/07/2007 23:21
    wow...
  • Domenico De Ferraro il 01/05/2007 09:20
    Il commento di Carmelo
    mi spinge giustamente a cambiare foto alla mia scheda.
  • rossella bisceglia il 31/01/2007 23:03
    concordo, ma capisco che il tema scuota le coscienze: questo è un canto che deriva da ciò

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0