accedi   |   crea nuovo account

la ferocia delle rane

ora non so più dire -
il cuore è crollato
come un faro nel mare...
si vive in questo buio
solido, una fiaba di catrame
che impasta la bocca
per eccessi di silenzio.
datemi arsura, datemi assenzio
nel verde incendio dell'oblio.
e cancellate il bianconiglio
le case di marzapane
il sangue di cristo
che ci accompagna nell'inciampo.
si vive in questo buio
d'inganni reciproci, dove le parole
saltano come trappole per topi,
saltano come rane feroci
alla gola del verso, e sanguina
in silenzio nell'acqua muta
dello stagno

 

0
5 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

5 commenti:

  • Anonimo il 20/10/2008 09:48
    Davvero potente! Molto spesso non rimane più niente da dire, un impulso, un destino.. non lo so... ma il buio è vero, palpabile, odora di speranze andate a male, ed è soffice, l'unico posto dove puoi rimanere in silenzio... dove posso divorare le tue parole!
    Alla tua..

    KL
  • ALESSIO SANNA il 10/04/2007 18:11
    DECISAMENTE REALE IN TUTTA LA SUA VERITà, CONDIVIDO PIENAMENTE.
    BRAVO.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0