accedi   |   crea nuovo account

Vita precaria

Queste giornate
sono pietre accatastate
in ogni angolo della mia mente
mi sento consumato dentro
sorridere per non svanire
ricercare la forza interiore
reagire alla precarietà
superare attimi di squilibrio
credere che l'impossibile
sia possibile
che la speranza sia un fatto
concreto e non un'illusione.
Queste giornate di primavera
ma in realtà invernali
gelide e silenziose
voci dicono non mollare
ma in questi corridoi
affollati di delusione
perversa
nemmeno
un sogno
spazzerebbe
queste pietre precarie.

 

1
2 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 03/08/2013 14:32
    molto apprezzata.. complimenti

2 commenti:

  • anna rita pincopallo il 16/04/2010 11:00
    5 stelle molto bella vedrai che quando meno te lo aspetti si avvererà il tuo sogno e riuscirai a sorridere e a trovare la forza di smantellare queste pietre e ritrovare una nuova primavera
  • Anonimo il 16/04/2010 10:56
    Intensa ed attuali versi per una bella Poesia.
    Quando tutto è precario anche le stagioni sono precarie e le delusioni giornalieri diventano mattoni da ingoiare.
    Un po' di dignità agli uomini onesti almeno con il lavoro.
    Bravo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0