username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Dietro quel velo

Dietro quel velo
solo i tuoi occhi vedo

tutto cela

il tuo viso
il tuo bellissimo sorriso.

Nulla si scorge
niente trapela
nemmeno un'emozione passeggera.

Lo sguardo tieni sempre basso
incrociarne altri non ti è concesso
è severamente proibito
se non è quello di tuo marito.

Prigioniera del tuo velo
vorresti gridare al cielo
per chiedere al tuo Signore
se liberartene è davvero un disonore,

se da qualche parte è scritto
che l'uomo su di te può tutto,

se non è inammissibile pensare
che nessuno ti possa curare.

Oppressa e disperata
spiegheresti di non essere un'ingrata
ma che è profondamente ingiusto
dover mirar il cielo
da dietro un velo imposto.

Dietro quel velo
solo i tuoi occhi vedo
ma spero che al più presto
io possa vedere il resto.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

16 commenti:

  • Anonimo il 26/03/2011 12:18
    Ciò che scrivi contiene la relatà di un popolo i suoi usi e costumi, paesi dove nn è dato l'insegnamento, dove solo il corano e dato loro di conoscere, molto c'è da dire su questo,
    perchè la società si interessa solo ora, e nn fa nulla inmerito, dittature, costrizioni, fame, e quantaltro sovrastano l'umanità, complimenti per la tua poesia in merito ha un problema davvero grande..
  • Hamid Misk il 11/10/2010 11:01
    Ci sono modi e modi di mettere il velo.
    Il vero problema penso siano l'ignoranza, la povertà, il sottosviluppo, tutti problemi che favoriscono
    l'estremismo, il fonfamentalismo. L'Islam non è antitetico con la modernità o la modernizzazione. la prima parola del Corano è Leggi... lei pensi quanto abbia dato la civiltà arabo-islamica al mondo occidentale, grazie proprio a quei scienzati ed illuministi che hanno tradotto la filosofia greca, istituito le prime scienze, Algebra, medecina, sociologia, ecc e quanto oggi sembra lontano quell'epoca. I mussulmani sono cresciuti nel confronto con le altre civiltà non proclamando le chiusure e altro.
    ciao e
  • Barbara Scarinci il 18/04/2010 22:40
    Grazie cari dei vostri commenti!
    Tania leggerò la tua poesia con piacere!
  • denny red. il 18/04/2010 03:50
    Dietro quel velo
  • tania rybak il 18/04/2010 02:00
    bellissima poesia, non credo pero che sia una imposizione religiosa,è un'imposizione dell'ignoranza degli uomini, purtroppo non solo dietro il velo si nascondono le disgrazie, ma anche dietro le mura dei vicini di casa, che spesso facciamo finta a non vedere... la libertà della donna è un argomento molto complesso, chi ha troppa e chi zero, la verita, come disse un amico, sta quasi sempre nel centro, brava Barbara(ti va di leggere la mia poesia "il burka e il delolte"?)
  • Anonimo il 18/04/2010 01:38
    Un tema importante scritta meravigliosamente. Bravissima
  • Barbara Scarinci il 18/04/2010 00:14
    Grazie per i vostri commenti, non basterebbero mille poesie per esprimere tutta la mia tristezza nutrita verso tali ingiuste limitazione alla vita, che sempre nel rispetto delle religioni altrui, non condivido e non capisco.
    Lieta di averlo potuto condividere con voi!!
  • antonio castaldo il 17/04/2010 23:50
    quel velo... leggerissimo... nella storia dell'umanità... pesa più del muro di berlino
    piaciutissima!
  • laura marchetti il 16/04/2010 22:16
    un velo... di tristezza... poesia molto bella denuncia di una imposizione religiosa... o cos'altro...
  • Hila Moon il 16/04/2010 14:14
    un tema delicato... una relatà triste per molte donne, e la speanza che le cose possano cambiare...
  • francesca cuccia il 16/04/2010 14:05
    Giuste parole, chissà se un giorno lei si potrà liberare e vedere chi dietro si cela con la paura, bellissima.
  • Nicola Lo Conte il 16/04/2010 13:19
    Brava...è una realtà pesante ed ingiusta quella che vieta ogni forma di libertà...
  • Anonimo il 16/04/2010 12:44
    Complimenti per aver saputo esprimere poeticamente la condizione femminile imposta in certe zone del mondo.
  • anna rita pincopallo il 16/04/2010 11:49
    molto bella e importante per l'argomento che tratta, purtroppo esistono ancora abusi
    difficili da annientare, retaggi che speriamo negli anni vengano superati
  • Salvatore Ferranti il 16/04/2010 11:41
    davvero molto bella, non c'è che dire...
  • Anonimo il 16/04/2010 11:06
    Bel ritmo per una poesia che spiega abbastanza bene cosa sono ancora costrette a subire tante donne nel così detto 3° Millennio che sembra alcune volte ancora buio medioevo.
    Brava

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0