PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Del tuo ventre

Cercando chi mi salvi l'anima...
Cercando chi mi spari al via...
Cercando che mi inviti al suo banchetto...

Non voglio uno spazio distorto
o un tuffo farsesco.
Non voglio un fulmine in pieno giorno,
voglio sbattere e rotolare.

Tuo figlio sarò sempre
anche nei dì di eternità
dove i sessi non varranno.

Mai a te sarò come un qualunque...
mai a restare in fila
o per un cerchio o per un cielo

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Angelo D'Onofrio il 18/04/2010 17:52
    è proprio vero, francesca. mai si può dimenticare. Qualunque sia il nostro destino... a noi rimarrà ignoto. L'unica certezza è cosa siamo e da "dove" veniamo. Per certi altri aspetti, invece, ho sempre pensato che quando scrivevo "sbattere e rotolare" mi stessi riferendo ad un suicidio. Io credo che una persona che arrivi a tanto... mediti soltanto tranquillità e pace interiore. E allora... quale tranquillità e calore più efficace di un ventre materno inteso anche come DIO?... un qualsiasi Dio!
    Grazie del commento, Francesca...
  • francesca cuccia il 18/04/2010 15:38
    Sarò sempre chi dal tuo ventre è venuto al mondo.
    Mai si può dimenticare, parole bellissime bravo.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0