accedi   |   crea nuovo account

Carezze dal passato

Il mio pianto leggero e sottile
simile alla pioggia che cade a fine maggio
corre sul viso.

È triste sapere che esisterà ancora
e non muterà in lucenti
sorrisi così belli
da sembrare veri.

Ancora e ancora e sempre più spesso
punge la pelle e verso
l'infinito cerco di toccare
l'interminabile orizzonte.

Ma un giorno
di notte il mio pianto
si rifletterà con la luce delle stelle
verso la solitaria luna.

Il mio viso
come il lato oscuro
nasconde l'interminabile amarezza
per aver detto addio
a ciò che più amavo.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0