PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Lo scoglio

Aggrappato ad uno scoglio
che non parla e
che non sorride
vuole soltanto che molli la presa.

Chissà come ci sono finito
non ricordo
non sapevo neanche che esistesse
e adesso è l'unico appiglio per continuare a vivere.

Chiedersi perchè è inutile.
Non ascolta
non capisce che non posso vivere senza di lui.
Prima di me ha salvato tante molte persone!

Io sono soltanto un oggetto scomodo.
Un gabbiano si posa sulle mie braccia
e sussurrandomi in un orecchio
ordina di lasciar perdere.

Un'onda s'impadronisce di me
e mentre cado sempre più in basso
le sue risa
fanno eco nell'anima.

Di nuovo bambino
nuoto con forza
verso la superficie
verso il sole.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:


Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0