PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Colui che portava luce

Luce a me hai donato
più che altrui...
così da illuminar
quel che vien dei tempi bui.
Servitore io non sarò,
a comandar potremo in due.
Di blasfemia tu mi hai incolpato...
ti ho tradito, ti ho sfidato,
mi hai schiantato giù lontano
da purezza e carità.
Maledetto che io sia
per questa valle di vergogna.
Tu perdoni, l'uomo no
e nel fratemmpo...
aspetterò

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • Angelo D'Onofrio il 21/04/2010 23:30
    Francesca, allora immaginiamo di rivolgere questa domanda direttamente a LUI, all'ALTISSIMO. Arriverà a perdonare colui che portava luce? Oppure continuerà a dannarlo ancora per il resto dell'eternità?
    Ciao francy, e grazie per il commento
  • francesca cuccia il 21/04/2010 17:33
    Il perdono aiuta al cuore
    per quanto difficile darebbe più luce
    aspettare è la cosa migliore.
    Bellissime parole.
  • Angelo D'Onofrio il 20/04/2010 16:54
    grazie del commento, loretta
  • loretta margherita citarei il 20/04/2010 08:25
    bella introspezione

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0