accedi   |   crea nuovo account

Senza ritegno, senza pietà

Sul letto distesa rivolta a supino
con gli occhi aperti scruta l’ignoto
da vie inospitali tutto cosparso
sul corpo spento ormai in letargo.

Da fuori la vedo inerme sdraiata
le forme distorte da ombre grigiastre
non voglio pensare e vedere dentro
caverne scavate maligne insicure
avanzare vilmente verso la fine.

Imperiosa sul trono del suo potere
scandisce metalliche voci di falci
senza ritegno, senza pietà
estirpare pian piano fiammelle alla vita
arando di semina pronta gramigna.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • catia sebastiani il 29/01/2007 16:49
    Come è triste pensare che la vita terrena se ne va e vederla sul volto di chi amiamo. Bella.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0