username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Se t' incontrassi

Tema del giorno, sui banchi di scuola,
immagina di incontrare una tua amica fra trent'anni
Quando la fantasia si accendeva
e quel quaderno a righe si colorava di mille colori
La mia compagna di banco,
mi aveva fatto diventare regina
io che le avevo già donato il mio cuore
le avevo regalato il mio regno
È strano ritrovarsi fuori dalla fantasia
in una realtà che come corridore ha saltato
quell'ostacolo... trent'anni
Noi, proiettate nello spazio e nel tempo,
fra le strade di questa vita
che non è mai come la si vorrebbe,
che non ha i colori ed i voti
di quei sentimenti che uscivano come folletti
dal quaderno
Io non sono regina e tu non hai il mio regno
Tu, ti sei ripresa il tuo cuore
Mi dai la mano, allora ci scambiavamo il fazzoletto
il respiro, il panino
Io, ti davo il mio con la cioccolata
e mangiavo il tuo, lo facevo per te
Sedute davanti alla cartina dell'Italia,
viaggiavamo con la fantasia
Oggi, scoprirsi di essere cambiati fuori, e dentro
e che la luce della fantasia si è spenta
dentro agli occhi
La vita ci ha stretto nelle sue spire, ci ha allontanato
non ha mantenuto le promesse di allora
La tua stretta tiepida, fugace, frettolosa.
Ti allontani verso la tua vita,
ed io con la nostalgia di ieri,
e senza fantasia,
riprendo la mia strada

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • denny red. il 21/04/2010 03:02
  • tania rybak il 20/04/2010 16:17
  • Anonimo il 20/04/2010 14:55
    I ricordi rimangono intatti per fortuna, la realtà è tutta un'altra cosa...
    la vita divide anche i più grandi affetti a volte...
    bellissima riflessione, grazie...
  • Salvatore Ferranti il 20/04/2010 12:10
    poesia che si stende sul foglio con placida malinconia... i ricordi sono quello che siamo stati... e non dobbiamo rinnegarli mai... splendida questa poesia... applausi
  • Roberta T. il 20/04/2010 12:07
    triste, dolorosa, nostalgica..
    ma scritta molto molto bene, complimenti
  • Simone Scienza il 20/04/2010 09:49
    Di una dolcezza nostalgica talmente devastante che mi ha letteralmente demolito.
    Ogni singolo verso si nutrite del rimpianto agro-dolce di un passato sempre vivo nel cuore.

    MI HAI UCCISO

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0