PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Come sedurla è la domanda posta

Le Tue braccia
ben tornite
incarnano
stringendo
a Se
dolcemente
il mio sogno
d'Amore

non sopporterò
sul Tuo viso
lo sfiorire
del tempo

Per viverti in eterno
desidero
sedurre
la morte

Ma
non so

Se

in carnale passione
o
in purezza spirituale

probabilmente ingolosendola con sensuali linguine allo scoglio a base di pesci gamberoni tornanti indietro e vongole veraci raccolte nei canali in qui nati di Vene zia

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 21/04/2010 14:57
    Mi sa che quella signora predilige lo scheletro in brodetto!
  • Anonimo il 21/04/2010 13:34
    Chissà forse dinanzi al tuo piatto prelibatissimo ( e te lo dice uno che è un buongustaio a tavola ) anche Thanatos sedotta finalmente dal Grande Eros diventerà da nera qual'è , bianca per la paura dell'imprevisto banchetto e poi rossa, per la vergogna di esser stata buggerata o... per il Vino che le offrirai dalla tua Coppa meravigliosa... Un saluto con tanta stima!!!
  • Simone Scienza il 21/04/2010 10:49
    Per viverti in eterno
    desidero
    sedurre
    la morte

    Ci riuscinai Vince, tu puoi, lavora.. tela bene
  • Anonimo il 21/04/2010 10:26
    Questa è uno spettacolo circolare di rara bellezza.

    Mi pare che il 'se' non abbia ragione di essere né pensato né espresso, tanto meno discusso in quanto c'è già Tutto in lui. La 'carnale passione' e la 'purezza spirituale' sono una fusione alchemica perfetta e immediata, interdimensionale e atemporale, presente sempre ovunque.

    Che immenso piacere leggerti...

    Non ci si stufa mai, poesia dopo poesia, dal primo haiku fino a questa, a seguire i tuoi orari, i tuoi ritmi, i tuoi umori, sentimenti, stranezze che poi non sono tali.

    È naturale e semplice diventare flessibili tra i tuoi ingranaggi universali di giocoliere burlone, profondamente connesso con Tutto ciò che è il Creato nella sua immensa artistica bellezza.

    Insieme a te gode Tutto il Creato solo che a volte non si accorge di godere...

    Un inchino e un'ovazione a scena spalancata.
    ss
  • karen tognini il 21/04/2010 09:21
    Stupenda Vincenzo...
    ha il sapore del mare!

    Bravissimo...
    karen
  • Elisabetta Fabrini il 21/04/2010 09:09
    finale a sopresa... stupendo... fa venire l'acquolina in bocca, anche a quest'ora! Fenomenale...<3

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0