username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

25 aprile

Ero piccola quando sentivo narrare
di una fiaba
Di una fata cattiva che aveva messo
tutto il mondo in ginocchio
Che aveva provocato morte e orrore,
che in un attimo aveva distrutto
ciò che di bello era stato creato
dall'uomo, ma che era stata chiamata dall'uomo
Aveva dato divise di diversi colori
ma il fine era lo stesso
unico denominatore morte,
parola d'ordine: uccidere
Non esistevano più ponti, case,
non c'era acqua, luce, pane, vestiti,
la sola ricchezza era avere intatta la vita
Questa strega cattiva
aveva calpestato la dignità
ed i diritti delle persone
Ascoltavo, stringendo i pugni, rapita,
impaurita...
Poi, crescendo, ho scoperto
che quell'incubo era una realtà
e che dalle pagine dei libri
uscivano immagini e grida strazianti,
che gli errori dovrebbero insegnare,
e che invece troppo spesso si continua
a sbagliare
Ma in quella favola di allora,
c'era un finale
la fine di un incubo, che doveva essere
un monito, una morale
E quei carrarmati entravano nelle città
non per fare la guerra,
ma per donare dolci e fiori
al posto del rumore delle bombe,
il suono della pace...
Ascoltavo rapita il ricordo di mio padre
bambino, mentre, sul viso
si asciugava una lacrima che faceva posto
a un sorriso
A voi il compito di ricordare diceva
Quella fiaba ogni anno viene recitata
Una fine, che non era la fine di tutto,
ma un nuovo inizio,
questa la sola consolazione
Il 25 aprile,
la liberazione...

 

1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Gianmarco Dosselli il 20/04/2011 11:53
    Anch'io deduco la poesia di Laura come espressione simbolica. Ma questo 25 aprile che noi italiani lo chiamiamo "Festa di Liberazione" è così realistico? Scacciati i perfidi tedeschi, l'Italia viene occupata (oppure: resta occupata) da americani, inglesi, francesi, australiani, neozelandesi, indiani financhè i peggiori (tra gli stupratori)marocchini.
  • denny red. il 21/04/2010 21:01
    laura..
  • Dolce Sorriso il 21/04/2010 16:38
    bravissima Laura
    bella poesia
  • tania rybak il 21/04/2010 16:34
    la liberazione... vedi come sempre per la pace bisogna lottare, con il suono della pace, suonando le campane d'amore...è pace sia, bravissima Laura
  • Anonimo il 21/04/2010 15:44
    Sembra un romanzo ma è densissima.
    Brava Laura
  • anna rita pincopallo il 21/04/2010 09:54
    bella poesia dove la realtà di allora rivive nella liberazione del 25 aprile, liberazione
    che dovrebbe far meditare affinchè non ci siano mai più guerre e distruzioni
  • Salvatore Ferranti il 21/04/2010 09:14
    molto bella questa tua poesia... sei davvero straordinaria...
  • Elisabetta Fabrini il 21/04/2010 09:01
    Senza parole... Bellissima. Una vera Poesia... Brava!
  • Vincenzo Capitanucci il 21/04/2010 08:54
    Bravissima Laura... sperando un giorno di festeggiare... la liberazione dal male... e dalla morte...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0