PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Una famiglia allargata

Mi sembra impossibile
che debba morire
mi sembra impossibile
che ti debba lasciare.
La vita mi è sfuggita
come sabbia fra le dita,
l'abbiamo trascorsa sempre in salita:
poveri, meno poveri, quasi benestanti;
da poveri ci amavamo tanto,
due cuori e una capanna
e i figli da mantenere
e da far studiare;
se vuoi i soldi devi lavorare,
se vuoi fare l'amore devi lavorare,
di giorno, di notte non importa
quando e come,
la famiglia la devi mantenere,
non c'è tempo per il divertimento,
non c'è tempo per giocare,
non c'è tempo per parlare, per meditare,
devi e vuoi lavorare.
Eppure noi due eravamo felici,
felici di avere una grande famiglia,
prima i figli, poi i nipoti,
i bambini che giocano accanto a noi,
i bambini che sono il nostro orgoglio:
i figli che abbiamo generato
e che anche loro hanno generato:
sono la nostra razza,
la garanzia che tutto può continuare.
Peccato che debba morire,
mi sembra impossibile
che debba morire.
La nostra è stata una vita intensa:
piena di gioie e di dolori,
ma ci siamo amati
e il frutto del nostro amore
e li lo puoi vedere
e li lo puoi toccare,
sono i nostri figli e nipoti
che continueranno sulla via
tracciata dal nostro amore.

 

0
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 06/01/2014 02:11
    apprezzata, complimenti.

5 commenti:

  • loretta margherita citarei il 22/04/2010 16:15
    bellissima ed intensa, fa notizia oggi una famiglia che non si sfascia, bravo
  • WILMA AVERSA il 22/04/2010 14:59
    Il quadretto perfetto di una famiglia perfetta, che ha vissuto per dare e per amare e non è possibile che debba morire proprio per volontà di uno di loro due. Hai dato una descrizione di un amore in versi chiari e semplici, con un finale dove il bene trionfa, dove ciò che Dio unisce, nessun può dividere... sono i nostri figli... che continueranno sulla via tracciata dal nostro amore. Che emozione! Mi hai fatto riflettere sulla mia dolorosa separazione, ho perso un marito ma non l'amore vissuto!
  • Francesca La Torre il 22/04/2010 13:51
    bella poesia, veramente sentita, autentica, scritta con il cuore, peccato che tratti un argomento molto triste!
  • Anonimo il 22/04/2010 13:40
    Intensa poesia.
    Malinconica e struggente ma molto bella.
    Bravo
  • Anonimo il 22/04/2010 11:49
    Che poesia! Un testamento, una audace e sentita emozione. Belle parole, ottimi contenuti ma soprattutto, i miei sentiti complimenti. Ottimo verso «La vita mi è sfuggita
    come sabbia fra le dita». Davanti a questa poesia non mi sento di commentare tecnica / tempo / metrica e frase. Solo un giudizio: Ottima