PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Desiderio assopito

come in un turbine di stelle ammassate
Rilucenti nel buio dell'universo
Si riaccende la mia mente spenta
Dalle distrazioni di questa vita
La tua pelle al chiarore della luna
Risplende come quelle stelle lontane
E mi riaccende il desiderio assopito
Lunghi baci preannunciano l'amplesso
Mani fugaci cercano dannate
La tua pelle da sfiorare

 

1
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Elisabetta Grillo il 31/07/2012 16:57
    il termine "dannate" nel penultimo verso è rilevante in tutta la prosa! da esso si evince maggiormente quanto il tuo desiderio prima assopito, possa riaccendersi all'istante alla vista della pelle che tanto desideri sfiorare! bravissimo! complimenti!

5 commenti:

  • Anonimo il 29/09/2013 00:45
    Che dire? Carezze d'autore. In bocca al lupo
  • Fuvell Altego il 01/05/2010 15:46
    Splendido quadro della passione d'amore.

    Vorrei invitarti a leggere le mie tre poesie: Passione d'amore I, II, III
  • clem ros il 23/04/2010 09:09
    Grazie Claudia.
  • claudia checchi il 22/04/2010 20:52
    Mani fugaci cercano dannate la tua pelle...
    bella..
    claudia.
  • maria caputo il 22/04/2010 14:42
    Sempre più bravo... Complimenti, la mia fantasia vola... Però i sogni che ti fai li sa solo la luna malandrina...