username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Selenide

Passano furbe e ingenue le ore del mattino
dalla mia capanna
vedo nuvole nascere e morire
e i miei abiti sbiadire

Nessun avventuroso viandante
osa attraversare il mio sentiero
nessun coraggioso cavaliere
azzardare il trotto del suo cavallo
nessuna figura si perde
tra le fitte foglie
del mio bosco

E guardo i miei capelli
cambiare il colore in cenere
e le mie mani solcarsi di segni
della semina delle argentee bacche
della raccolta della mandragola bambina
del plasmare la cera per la mia fiamma

Da tempo ho smesso di parlare allo specchio
che é divenuto compagno d'acqua
quando al fiume tergo le mie fattezze
e ho lasciato che il fuoco divenisse soltanto
il ristoro alle difese del principe freddo

Ho abbandonato al vento la scelta
di danzarmi sul viso
per rinfrancare il mio sudore alla raccolta bionda
e a volte lo sento urlare
tutti i sogni che lo hanno alimentato
tra le fessure della mia finestra

E guardo ora l'ultimo sole
di un oggi ormai vetusto
colorare di porpora il bianco del mio spazio
sospirando con ingenua fatalità
sul mio destino di solitaria
creatura
lo guardo abbandonarsi alla notte
sedotto dalle mille sorelle brillanti
e lo saluto col mio bacio di strega
mentre salgo silenziosa
i pioli della mia luna

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

12 commenti:

  • enrica merlo il 02/05/2010 21:23
    Arrendersi al tempo che passa ma con consapevolezza... che bellissima figura di donna in questa poesia...
  • Anonimo il 27/04/2010 08:28
    molto bella. avvincente. questa mi è piaciuta molto. brava
  • Andrea Calasso il 24/04/2010 03:26
    Belle immagini scrittura intrigante che mette in mostra una vena romantica... Brava
  • laura cuppone il 23/04/2010 20:14
    tania... più ti accolgo più ne sono onorata...
    anima gentile...
    un bacio
    Laura
  • tania rybak il 23/04/2010 15:40
    sono innamorata delle tue poesie, più ti leggo e più mi innamoro, sei bravissima 10 stelle
  • laura cuppone il 23/04/2010 09:54
    ringrazio infinitamente tutti, tenendo conto, dolce Daniela, che le favole a volte sono più reali della realtà e non si smette di credere in qualcosa solo perchè non durevole...
    a volte l'esplosione é talmente forte che per riprendere l'udito al 100% bisogna... meditare...
    per conservare qualcosa... bisogna saper dividere il vuoto dal pieno... la luce dal buio... e per riuscirci restare nel mezzo... e respirare.
    grazie ancora
    Laura
  • Anonimo il 22/04/2010 21:55
    Bella...
    anche se hai smesso di credere alle favole,
    scrivi divinamente...
  • loretta margherita citarei il 22/04/2010 20:50
    sembra una ballata, splendida
  • Salvatore Ferranti il 22/04/2010 20:02
    poesia da cinque stelline. le tue poesie mi emozionano sempre tantissimo
  • Paola B. R. il 22/04/2010 19:40
    Bellissima!!!
    Fatta così arriva più facilmente all'anima di chi legge.
    Complimenti!!!!
  • francesca cuccia il 22/04/2010 19:32
    Bello il finale
    mentre salgo silenziosa i pioli della mia luna.
    Sali e non fermarti la luna donna il cuore illumina.
    molto bella.
  • Anonimo il 22/04/2010 18:43
    Bella riflessione...
    E ben fatta formalmente

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0