username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Il sentiero franato

Dove sotto gli ulivi
mani forti
come la fame
hanno posto
contro il mare
i sassi,

a colorare di grigio
il declivio
e nelle piccole piane
tra cespugli d'euforbia
e di mirto
filava il viottolo usato

ora dalla frana cola
il sangue della terra
sulle radici strappate
dei pini stesi verso il mare.

E sul viaggio sospeso
della pietra infranta
e del tempo perduto

riprende timoroso
il cammino nuovo
per l'antica spiaggia
dove ancora il mare
riposa all'ombra della sera.

 

1
5 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Ferdinando il 13/08/2016 00:52
    apprezzata... complimenti.

5 commenti:

  • giorgio giorgi il 24/12/2013 17:19
    Gabriele non ti sbagli, si tratta della Liguria di Levante e più precisamente quel tratto di costa che va da Bocca di Magra a Tellaro.
  • Anonimo il 18/12/2013 20:52
    bella. sembra una perfetta descrizione della costa ligure. o mi sbaglio?
  • gian paolo toschi il 23/04/2010 22:52
    Provengo da una terra di sentieri come questo che tu hai descritto in modo magistrale.
    Li ho rivisti attraverso il tuo lavoro poetico. È magnifico. Complimenti vivissimi.
  • Anonimo il 23/04/2010 19:56
    Devo dire ch'è molto bella e le immagini sembrano vive.
  • loretta margherita citarei il 23/04/2010 17:19
    piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0