PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Adamo schiavo

Come farfalle a primavera
io a saltar di fior in fiore.
Pia a te e al denaro tuo,
Adamo triste e depravato.
Dammi un nome e nuove essenze...
la fanciulla intimidita
o la matrona mangiatrice.
Prendimi, usami, spaventami
e respingimi.
D'acqua una brocca sulla pelle
e avanti un altro.
Che diletto prediletto!
... o Adamo schiavo

 

1
4 commenti     1 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

1 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati
  • Anonimo il 30/01/2014 02:06
    Molto apprezzata, complimenti.

4 commenti:

  • francesca cuccia il 29/04/2010 12:29
    Nessuno è padrone di nessuno sarebbe bello poter essere liberi e basta ma, purtroppo nel mondo in cui viviamo si deve scegliere per non essere schiavi.
    Un abbraccio, bravo.
  • Angelo D'Onofrio il 25/04/2010 02:08
    ... antonino, però potrebbe anche essere la donna qui a parlare. Perchè dai per scontato che sia un uomo a parlare? uhauhauhauhauhauh... cmq almeno siamo d'accordo su una cosa: la parte del padrone
  • Anonimo il 24/04/2010 19:13
    Prendimi, usami, spaventami... e respingimi...
    Sei masochista?
    Io invece preferisco la parte del padrone!
  • giuliano paolini il 24/04/2010 12:55
    se si riferisce a musella posso dire che è assai schiavo di hamburger nutella e altre sozzerie alimentari è che è pure un carciofone ma è così bello che lo perdonaimo

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0