username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

Spine di morte

Conficcate nel cuore come punteruoli le spine di morte mi dissanguano.
Lentamente mi uccidono.
Un giorno colsi una rosa nera in un giardino di fiori bianchi.
Quel fiore era l'emblema della bellezza e della grazia.
Ma la bellezza può far male così le spine di quel fiore si conficcarono nel mio petto.
Conficcate nel cuore come punteruoli le spine di morte mi dissanguano.
Lentamente mi uccidono.
Mi accasciai a terra lentamente, portai le mani al petto...
Le mie mani bianche si sporcarono di un rosso intenso...
La vista si annebbiò e alla fine i miei occhi si chiusero...
I fiori bianchi intorno a me si tinsero di rosso...
Conficcate nel petto come punteruoli le spine di morte,
mi portarono via da questo bel giardino.

 

2
7 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

7 commenti:

  • Regina Ghiglietti il 27/04/2010 19:40
    Buonasera a tt mi prendo quel poco di tempo libero ke ho x ringraziarvi kn tt il cuore per i vostri commenti^^
  • Nicola Lo Conte il 25/04/2010 18:28
    viviamo molte vite... alle volte occorre morire per rinascere migliori...
  • loretta margherita citarei il 25/04/2010 06:05
    bei versi
  • tania rybak il 24/04/2010 23:31
    sempre molto triste e profonda, baci e un caro saluto
  • francesca cuccia il 24/04/2010 21:37
    Belle immagini di fiori e dolore,
    un cuore spento in un giardino di colori.
    Un grande dolore il tuo spero dentro il tuo cuore già passato.
    Bravissima.
  • Paola B. R. il 24/04/2010 18:48
    Bellissima l'immagine creata... anche se triste!
  • Salvatore Ferranti il 24/04/2010 18:41
    poesia di grande livello espressivo. davvero molto, molto profonda e bella

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0