PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Credo di essermi illuminato

la mia sagoma
scivola lungo un piano inclinato
e le prospettive sono addolcite
dalla pioggia amica
riascoltando la voce registrata
non la riconosco come autentica
e mi domando il perchè
di così tanti lampadari accesi contemporaneamente
dimenticando che lavoro
in un negozio di lampadari
e inconscio dell'onere e dell'onore del vivere
mi prostituisco
nello sforzo di dare vita fittizia
ad una manciata di opzioni più o meno originali
per potermi gustare commenti vari
del tono
"guarda un po' come è originale"
ma allora tanto vale
vendere lampadine fulminate.

 

0
4 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

4 commenti:

  • loretta margherita citarei il 25/04/2010 17:55
    originale
  • Anonimo il 25/04/2010 10:11
    Originale.
  • laura marchetti il 25/04/2010 09:47
    a volte si crede di essere capiti, altre volte ci accorgiamo di non aver neanche collegato la spina... l'importante è essere sè stessi fonte di luce autorigenerante... molto originale
  • laura cuppone il 25/04/2010 09:21
    riferimento puramente casuale..
    il tuo orologio é l'unico con l'ora esatta
    nel paese degli orologi?
    chi mai ti crederà?
    ... hai sempre una possibilità
    ...
    un bacio originale...
    Laura

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0