accedi   |   crea nuovo account

Una

L'esercito arrivò al mattino
quando tutti gli uccelli volarono via
le messi bruciate in un attimo
come le vite
che le avevano raccolte
la razzia e la morte
col primo sole
al gallo fu tagliata la cresta

Bambini in fila
legati per i polsi
deportati al regno
come schiavi
e ancora
l'urlo delle madri
sovrasta la valle
e ancora il sangue
dei padri bagna la terra
non crescono fiori
e gli alberi mutano
in sabbia scura

Guardava le sue piccole mani
che ancora racchiudevano
la pietra tonda incisa
e sapeva che l'avrebbero sepolta
e sapeva che l'avrebbe ritrovata
la guardò e pianse
e nulla più vide...

Nella notte
del ventesimo solstizio
la luna illuminò il sentiero
e i sandali di cuoio
fecero orme sul selciato duro
poi si fermarono al molo grande
vennero tolti

La pietra cadde con un tonfo sordo
il fuoco delle torce tremò un attimo
il mantello volò come nuvola leggero
la luce si alzò dall'acqua
e Una
vide

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

11 commenti:

  • laura cuppone il 08/05/2010 12:26
    descrivere la sofferenza é doveroso
    ma anche la speranza di luce...

    grazie a tutti... TUTTI!!!!

    Laura
  • Annamaria Ribuk il 07/05/2010 09:53
    ... divenne testimone invisibile per alleviare la sofferenza, per donare Amore che tutto può... con gratitudine Ann!!!
  • Anonimo il 04/05/2010 18:51
    5 stelle ed i miei complimenti per la maestria poetica
  • Anonimo il 30/04/2010 15:07
    È una lirica di intensità notevole, purtroppo sempre di attualità. I miei complimenti!
  • Dolce Sorriso il 27/04/2010 13:50
    sei davvero unica Laura...
    bravissima
  • Anonimo il 27/04/2010 01:33
    La tua poesia è un urlo al vagabondare del mondo, fa provare rabbia per gli invasori che tolgono il difficile vivere e il suo evolversi. Laura hai toccato un argomento che ci rattrista. stupenda poesia. ciao Salva.
  • Paola B. R. il 26/04/2010 23:31
    La parte finale è magica...
  • laura marchetti il 26/04/2010 22:10
    molto bella e particolare, le tue poesie sono scritte con raffinatezza e stile...
  • loretta margherita citarei il 26/04/2010 21:51
    fantastica
  • Anonimo il 26/04/2010 21:08
    Da brividi, Laura, da brividi. Bellissima, un altro capolavoro. Letta e riletta sempre la stessa terribile emozione.
    Grazie.
  • gian paolo toschi il 26/04/2010 18:06
    È una magnifica lirica, molto ben scritta e profonda. Vorrei saperne di più, se ti riferisci ad un fatto reale. Un caro saluto.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0