username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La porta

Violino,
suoni magnifica
malinconia.
Sembra tu sappia.

Sembra tu conosca
quello che noi no,
non conosciamo.

Ci lasci intuire,
solo sfiorarne un granello.
Apri leggermente
la porta
e ci lasci appena sbirciare.

Quel poco
è così tanto
che non riusciamo nemmeno ad immaginare
la reale dimensione
dell'immenso.

Io voglio vedere.
Se è Paradiso o
la cruda essenza dell'uomo,
pura dal vivere,
spoglia di ogni decoro.

Stasera
raccontami ancora
ciò che vedrò
quando anche io sarò
Musica.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • vincent corbo il 25/08/2010 18:58
    Quando desidero leggere una bella composizione mi sovviene un nome: Rosanna Erre.
  • Anonimo il 05/08/2010 12:31
    é molto bella, soprattutto la prima quartina è evocativa. ciao
  • Anonimo il 07/05/2010 09:25
    Scritta bene, elegante e senza forzature. Il continuare della vita nell'universo musicale... e il violino è la chiave terrena per sbirciare, ma solo ad occhi socchiusi, l'armonia che seguirà.
    Essere musica è un bel proseguire, tra le varie interpretazioni religiose della vita ultraterrena la tua ipotesi è romantica e dolcemente condivisibile
  • Salvatore Ferranti il 27/04/2010 12:40
    splendida poesia. molto intima e concede delle belle emozioni
  • Anonimo il 27/04/2010 00:09
    Belle immagini sapientemente tradotte in versi! Brava!
  • loretta margherita citarei il 26/04/2010 21:47
    romanica poesia, piaciuta

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0