username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

La sorte

D'umore troppo indulgente,
d'avventure ne facevo tante
e ne avrei potute fare
sapendo dove parcheggiare;
ma ecco giungere un gradiente
con luce di grandezza prima
che m'ha cambiato all'istante
ha riscosso la mia stima:
lei, la mia dolce consorte,
con la quale ho diviso
e spartirò ancora la mia sorte
finché non giungerà la morte.

 

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

19 commenti:

  • - Giama - il 08/05/2010 00:02
    Bella e Piaciuta anche se la fine è un po' amara
    Gia
  • Anonimo il 28/04/2010 17:18
    questo dono non tutti riescono ad averlo. godilo. con ammirazione sincera.
  • Dolce Sorriso il 28/04/2010 15:19
    sempre grande...
    unico Ugo...
    piaciuta la poesia
  • Anonimo il 27/04/2010 22:45
    un bellissimo pegno che ripagato d'amore viaggia a fianco al sole. grazie del commento, molto gradito. ciao Salvatore.
  • tania rybak il 27/04/2010 18:34
    comlimenti per la vera devozione alla sua consorte e alla sua stupenda poesia, mi è d'esempio
  • alice costa il 27/04/2010 15:03
    tenera e dolcissima dedica.
    Bravo!!!!!!!!!!
  • Cinzia Gargiulo il 27/04/2010 07:19
    I tuoi versi pieni d'amore e dedizione verso tua moglie scaldano il cuore.
    Bella poesia!...
  • denny red. il 27/04/2010 00:47
    Bravo ugo.
  • Maurizio Cortese il 26/04/2010 22:30
    Talvolta sembra che la sorte giunga inaspettata: ma se incontra le nostre aspettative, vuol dire che, in qualche modo, c'era nel nostro cuore il desiderio di ciò che ha porta. Ad un grande poeta può addirsi solo un gran donna e sicuramente la consorte (luce di prima grandezza) di Ugo Mastrogiovanni deve esserlo e può meritare versi come questi.
  • Minalouche TS Elliot il 26/04/2010 22:26
    Una consolazione per gli occhi e il cuore leggere le tue poesie, grazie di cuore Ugo!
  • nicoletta spina il 26/04/2010 22:21
    Grande Ugo, che meraviglia... la sorte ti ha fatto un bellissimo dono, senz'altro meritato.
    Che il sole vi accompagni sempre... per sempre.
  • Anonimo il 26/04/2010 22:20
    è vero. è un dono pregiato un amore siffatto. un fiore colto nel luogo giusto al momento giusto, dalle persone giuste, anche. probabilmente dovrei umanamente invidiarvi, ma non mi riesce. piuttosto sono lieta di sapere che certi amori esistono.
    in quel parcheggio leggo un pizzico di goliardia: mancata, fortunatamente. e il finale trionfante è d'obbligo. un abbraccio a te maestro e alla tua signora, che non conosco, ma che non mancherà d'essere come immagino se è degna di tant'uomo.
  • Anonimo il 26/04/2010 22:16
    La vera poesia, quando arriva, la riconosci subito.
  • laura marchetti il 26/04/2010 21:47
    bellissimo tributo alla compagna della propria vita... penso che tutte le mogli leggendo aspirerebbero a tanto...
  • B. S. il 26/04/2010 21:19
    Che classe Ugo!
    Un caro saluto.
  • Anonimo il 26/04/2010 20:33
    INSIEME... fondendovi lentamente, dolcemente con il tramonto, incendiati dalla luce dei vostri sguardi e con l'alba nei vostri cuori... forgiate la sorte e fate delle scintille le vostre stelle.
    Perdonami... mi sono lasciata andare... per un attimo... trasportata dai tuoi dolcissimi versi!
  • Anonimo il 26/04/2010 19:58
    Mitico Ugo, retto e leale, innamorato della sua donna... da sempre e per sempre!!
    Bellissima poesia...
  • Fabio Mancini il 26/04/2010 19:41
    Dal profondo della notte che mi avvolge,
    buia come il pozzo più profondo che va da un polo all'altro,
    ringrazio gli dei chiunque essi siano
    per l'indomabile anima mia.

    Nella feroce morsa delle circostanze
    non mi sono tirato indietro né ho gridato per l'angoscia.
    Sotto i colpi d'ascia della sorte
    il mio capo è sanguinante, ma indomito.

    Oltre questo luogo di collera e lacrime
    incombe solo l'Orrore delle ombre,
    eppure la minaccia degli anni
    mi trova, e mi troverà, senza paura.

    Non importa quanto sia stretta la porta,
    quanto piena di castighi la vita.
    Io sono il padrone del mio destino:
    io sono il capitano della mia anima.

    William Ernest Henley

    Un saluto, Fabio.
  • loretta margherita citarei il 26/04/2010 19:38
    come sempre super poesia, dolcissimi versi

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0