accedi   |   crea nuovo account

La stanza vuota

Ti troverò
lontano dal fragore.

Ora che cercare non porta a niente
smetterò di farlo.

Hai dipinto con acqua salata
queste ultime settimane.

Hai svuotato di presenze
anima, corpo e cuore.

Ora che la stanza è vuota
io mi ci siedo al centro
e osservo queste bianche pareti.

Hanno molti segni, e un po' di muffa negli angoli.

Arriverà anche l'ora del rinnovamento
ed io sarò lì ad accoglierla.

Con colori di cui ancora non conosco le sfumature
Con mobili e oggetti per ora a me ignoti.

Magari ci vorrà qualche finestra luminosa
che lasci entrare la luce
e uscire il fumo.

E una porta, solida.
Che sappia aprirsi completamente
ma che abbia anche una serratura forte.

Non si sa mai.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • denny red. il 16/05/2010 02:30
    molto bella tipa, brava! ben scritta!!
  • clem ros il 14/05/2010 15:12
    Certo, una vita senza speranza, che vita è? Il pessimismo secondo me non è dell'uomo.
  • Nico Orrù il 06/05/2010 18:05
    Bellissima! Ho dormito in stanze simili molte volte. Ogni volta la porta si è aperta.
  • loretta margherita citarei il 28/04/2010 19:43
    belle analogie con l'introspezione dell'animo bisognoso di rinnovarsi, piaciuta
  • laura marchetti il 28/04/2010 19:25
    rinnovarsi per ripartire... molto bella
  • Anonimo il 28/04/2010 17:04
    Brava, la speranza non deve mai abbandonarci, fa parte della vita!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0