accedi   |   crea nuovo account

Come Ulisse

Quando si placa
l'ira del mare,
si tingon le acque
di mille colori,
che sembrano il cielo
laggiù dove il sole
va sempre a dormire,
in quel punto lontano
lontano e vicino,
che nessun marinaio
ha raggiunto mai.
volteggian gabbiani
sulla mia testa
simbolo è
ch vicina è la terra
ma è solo follia
pensare che fosse
l'isola mia,
quando i miei piedi
toccan la sabbia,
neri corvi funesti
mi gracchian vicini,
ancora nemici
devo affrontare
cambio il mio nome
che neppur io
so dir, come mi chiamo,
amico mi è il mare
mi viene a cercare
un onda violenta
mi getta in salvo,
mi faccio legare
per non raggiungere il canto
di nefaste sirene.
Di nuovo si placa
tutto che tace
radiosa la voce
di mille gabbiani,
terra di nuovo
intanto mi chiedo,
se li c'è un cane
che mi vuol bene,
di nuovo il mare
con forza selvaggia
mi porta lontano,
forse è destino
che in mare
io debba restare,
o forse vuol dir
che più terra non c'è
dove qualcuno
aspetta con ansia
che torni nessuno.

 

0
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • esther iodice il 15/05/2010 20:27
    hai usato la figura epica di ulisse per parlare della vita, sempre in continuo movimento sempre piena di complicazioni pochi attimi di pace e poi si ricominica, snza mai sapere quant i mai e quanti se ancroa ci saranno, sapendo per certi però che per il mondo siamo niente... Bravissimo davvero complimenti...
  • Isaia Kwick il 03/05/2010 10:37
    Molto bella, il mare e la terra in eterno conflitto.
  • Marysun... il 02/05/2010 13:35
    ... bellissima!!! la figura di Ulisse rende la tua poesia davvero interessante
  • denny red. il 30/04/2010 23:50
    Che bella!! bravissimo!! fernando molto piaciuta!!
  • Anonimo il 28/04/2010 22:56
    In balia delle onde... Ulisse.. vedrai che, come lui, tornerai da Penelope...
    bella poesia
    ti abbraccio
  • loretta margherita citarei il 28/04/2010 19:38
    bei versi, complimenti amico caro
  • Anonimo il 28/04/2010 19:31
    Come Ulisse dovrebbe essere ogni uomo.
    5 stelle
  • Paola B. R. il 28/04/2010 19:06
    No, no Penelope è sempre lì che tesse!!!
    È stato un bel viaggio questo, bravo!!!!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0