PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ti vedo triste

Ti osservo,
sei triste
spento il tuo viso
rughe intravedo

Cosa c' è
che non va?
Non sorridi più come
un tempo
ormai
è tutto buio attorno
a te

Hai fatto gli anni,
andando ad un funerale
ma tornando sempre col
tuo sorriso
nascosto da una maschera

Ti ho regalato delle fatine
che ti sono piaciute
ma c' è qualcosa
che non va

Ho aperto la vetrina,
poco fa
mi hai detto di metterla io la fata,
la collocai
ma tu non sorrisi neanche
anzi
ti dirigetti verso la cucina

I tuoi doveri,
il tuo lavoro,
il tuo marito, mio padre
ti rendono troppo tristi
ti vedo sai
quando non vuoi proprio
osservare
ma solo chiudere gli occhi
una scusa per andare
a dormire

Non ti vedo più felice
come un tempo
ma è brutto questo tuo sorriso che mi
rivolgi pacamente
non ti accorgi
che io ti vedo
triste
ti sento triste

I tuoi occhi sono spenti
scintillano

Riprenditi

 

l'autore Giuseppe Tiloca ha riportato queste note sull'opera

Mia madre è triste, anche lei è presa dai sorrisi falsi, ma dentro cela l' inferno,
proprio come me


1
9 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

9 commenti:

  • Anonimo il 05/04/2011 22:18
    bella... toccante... commovente... mentre la leggevo mi scendevano le lacrimuccie... pensavo alla mia mamma... ci sono giorni in cui anche lei si sente proprio così! mammaaaa ti amooooo... mi manchi un casinooooooooo e lo saiiiiii! ciao a prestooooo!
  • ylenia 2010 il 11/08/2010 09:10
    dedica. molto bella... e intensa
  • Angela Marino il 09/05/2010 22:16
    Un finale duro che fa capire con quale intensità vivi quello he hai scritto. Bellissima
  • claudia checchi il 01/05/2010 16:46
    bravissimo... intensissima. giuseppe
    claudia...
  • Dolce Sorriso il 29/04/2010 09:43
    mi hai fatto venire i brivihi...
    bravo Giu
  • Giuseppina Iannello il 29/04/2010 09:16
    Caro Giuseppe, la Tua poesia è vibrante e mi sono venute le lacrime. Fai bene a lasciar parlare il Tuo cuore con tanta spontaneità. Non soltanto Ti comprendo: posso dirti che Ti capisco; continua sempre sulla Tua strada.
    "Chi prega è santo, ma chi fa, più santo." È una frase di G. Pascoli e Tu come altri molti poeti ti identifichi nella sua poetica.
    Auguri, un abbraccio.
  • loretta margherita citarei il 29/04/2010 07:09
    bellissima , ma non temere, momenti che passano, un bacione, cucciolo
  • Anonimo il 28/04/2010 22:47
    Tesoro, vedrai che è un momentaccio che passa... ricordi, sono passati anche altri momenti "no", aiutala standole vicino, aspettando un vero sorriso...
    ti abbraccio piccolo...
    bella poesia...
  • Anonimo il 28/04/2010 22:39
    A volte non sempre si è come si vorrebbe essere e fingere non servirebbe a nulla, lasciali il tempo di metabolizzare quello che ha dentro e vedrai che tornerà come prima.

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0