PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Signori...

Signori,
dov'è la tempesta?

Il cielo è cupo,
ma in strada si ride.
I tuoni scuotono
l'assopita atmosfera,
anche se il piccolo ambulante
osserva perplesso
le altezze.
E si gratta la testa quasi calva.

I manifesti lacerati sui muri,
i mattoni grigi,
uomini senza sguardo:
il tutto è un trama
di un vecchio film in bianco e nero.

Signori,
dov'è l'assassino?

È al bar
a sorseggiare il suo caffè quotidiano.
Chi sarà tra tutti questi
giocatori di carte, che espiano
la loro vita
in equilibrio
tra un sorso al bicchiere
e una mosca schiacciata alla parete?

 

0
2 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

2 commenti:

  • Giovanni Conti il 04/02/2009 23:55
    Ci sono sicuramente molte metafore, non a tutte arrivo. o meglio, arrivo a conclusioni che non riesco a conciliare. siamo noi che dobbiamo sforzarci a decifrare, Teodoro, tu hai cifrato, con l'aiuto del tuo inconscio.
    Nel complesso bella anche se... complessa! Ciao!

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0