accedi   |   crea nuovo account

Messaggi

Si vedono
si nascondono
dicono
a chi ci crede parlano
come oracolo ispirato
le linee della mano, sentenziano.
Dalle mie mani
non sento parole volare
eppure e nonostante
ho belle mani
sporche di terra e sudore
senza calli per sgarbi donati;
sembra che non stiano invecchiando con me
ancora lisce e capaci di donare carezze
a chi semmai le volesse.
Osante desiderio che
allora si chiudono
in pudico peccato... per tanto avere osato
osato pensiero
ora che i tempi non nascono più
sugli alberi dei sogni
le metterò al sicuro, nelle tasche
a conservare quello che ancora una linea ha
non si può leggere, non si può vedere
e nemmeno nascondere
il calore ha bisogno di pelle
in quel labirinto le linee si annientano
un viso... un sorriso
un'Amico... un'Amore
a Loro non gli importa di oracoli o altro
se ne hanno un segnale di pace
quando la mia mano si unisce sincera
per un segno di vita.

 

0
6 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

6 commenti:

  • Anonimo il 23/06/2010 18:07
    Molto bella e ben scritta, felice di leggerti...
  • Cinzia Gargiulo il 11/05/2010 20:24
    Profonda sensibilità emerge da questa tua poesia.
    Bellissima!
    Bacioni...
  • Anonimo il 04/05/2010 18:13
    .. sono le mani di un principe... uomo di grande sensibilita'..
  • denny red. il 30/04/2010 23:47
    fantastica!! .. un amico.. un'amore, .. si unisce sincera, per un segno di vita.
    Complimenti!
  • B. S. il 30/04/2010 22:01
    Vago disincanto e grande sensibilità.
    Bellissima Marcello.
  • loretta margherita citarei il 30/04/2010 21:07
    stupenda

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0