username: password: dati dimenticati?   |   crea nuovo account

'A voce d'o core

Si stu core sapesse parlà
comm’ a vocca da sempe già fa’

alluccasse cchiù fort d’o vient
quann o ciel se mette a turment.

Nunn’usasse ca quatt parole,
ma cchiù chiare da luce d’o sole,

pecchè o core, isso sulo, nu tème
e parol ca a lengua trattene.

So tre palm e ‘ddoje ret in difett:
chest spart sta lengua e stu piett,

chesta lengua ca sbatte e ce prov
a spiegà comm’ o core se mov.

È nu spazje assaje curt, si sa,
assaje luong si nun saje parlà.

E si pure sei colto e istruito,
spiss ‘o core nun ven capito,

si po a lengua nu ‘ngarra a spiegà
quann o core vulesse vulà.

Eh lo so, sarrìa tutt ‘cchiù bell
si stu core tenesse a favell,

Ma a penzarce po ‘bbuon ‘ncopp
chesta è cosa ca po arrivà ‘dopp

pecchè a fa venì a voce a nu core
stramb o stuort ce penza ‘ll’ammore,

‘nvece l’omm mut e core e cu voce
è comm’a mel ca nun sape doce.

 

1
8 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

8 commenti:

  • Jurjevic Marina il 18/04/2012 12:27
    che bella... ho dovuto leggere la traduzione, per capire meglio però sono molto soddisfatta da questa opera!! Complimentissimi!!!!!! bacio
  • GiuseppeCristiano Merola il 12/07/2011 15:19
    Ottima poesia, scritta in dialetto. Bravo
  • Anonimo il 24/02/2009 16:25
    hehehe, quanto è vero quello che scrivi, spesso è la mia maggiore dannazione. mi rispecchio nei tuoi versi.
  • Luca Lulleri il 19/10/2008 02:08
    guarda è eccezionale! complimenti! per te, la poesia! e la scelta della regal lingua!
  • enzo napoli il 02/02/2008 19:14
    BRAVO! SONO CONTENTO DI LEGGERE IL VERNACOLO. UNA BELLA POESIA. UN SALUTO
  • Carlo Diana il 11/02/2007 23:41
    c'è tutta l'immediatezza napoletana. Notevole anche la tenuta delle rime.
  • Antonio Izzo il 04/02/2007 18:47
    Ho tradotto in lingua italiana la mia poesia per far in modo che anche le parole più "oscure" possano essere comprese da tutti:

    LA VOCE DEL CUORE

    Se questo cuore sapesse parlare
    Come la bocca da sempre già fa

    urlerebbe più forte del vento
    quando il cielo si mette a tormenta.

    Non userebbe che quattro parole
    ma più chiare della luce del sole,

    perché il cuore, lui solo, non teme
    le parole che la lingua trattiene.

    Sono tre palmi e due dita in difetto:
    ciò divide questa lingua e questo petto,

    questa lingua che si sbatte e ci prova
    a spiegare come il cuore si muova.

    È uno spazio assai corto si sa,
    assai lungo se non sai parlare.

    E anche se sei colto e istruito,
    spesso il cuore non viene capito,

    se poi la lingua non riesce a spiegare
    quando il cuore vorrebbe volare.

    Eh lo so, sarebbe tutto più bello,
    se questo cuore avesse la favella,

    ma pensandoci poi bene su
    questa è cosa che può arrivare dopo

    perché a far venire la voce ad un cuore
    bene o male ci pensa l’amore,

    invece l’uomo muto di cuore e con voce
    è come miele che non sa di dolce.
  • catia sebastiani il 04/02/2007 18:04
    e' vero, solo l'amore può dare voce al nostro cuore. Bravo, scrivere in dialetto è più difficile grammaticalmente, ma è più facile poetarci perchè ci siamo cresciuti e fa parte di noi stessi. Catia

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0