accedi   |   crea nuovo account

La parola

Dio quando ebbe finita la creazione
guardò l'opera sua e vide l'uomo
che rincorreva il cavallo
che domava il leone, che giocava con la scimmia,
che faceva l'amore con Eva, ma si annoiava
e allora si inventò un gioco; un gioco
che non finisse mai: dare un nome
a tutte le cose del creato piccole o grandi,
visibili o invisibili, finite o infinite.
Diede all'uomo la parola.
Senza la parola, l'uomo sarebbe
sordo, muto, cieco,
camminerebbe nel nulla
sarebbe per sempre perso nell'infinito.
Non c'è niente di più importante
della parola nell'uomo;
senza la parola, l'uomo sarebbe
un grumo di sangue
nella materia inerte dell'universo.

 

0
1 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

1 commenti:

  • Isaia Kwick il 03/05/2010 11:36
    Lo scritto incoraggia a pensare ad un altro modo di vivere, senza parola, senza comunicazione, un mondo di assordante silenzio.