PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Ricordi

Viviamo nei tempi apocalittici,
i sette sigilli sono stati aperti,
si stanno avverando
i testi sacri e criptici.

Vorrei ricordare solo uno
del quale io, in qualche modo sono testimone.
Il 26 aprile 1986 a Chernobyl
lo sbaglio fatale di qualcuno
provocò una feroce esplosione.

Apparentemente un imprevisto,
segno la nostra storia con un evento triste.
Un esperimento con irreparabili conseguenze,
la centrale atomica che portava il nome di Lenin,
fu bruciata in parte...
con lei fu smentita l'infallibilità della scienza.

"Il terzo angelo suono la sua tromba,
cadde dal cielo una stella enorme,
che bruciava come una fiaccola
e cadde sulla terza parte dei fiumi,
e sulle sorgenti d'acqua."

Il fungo atomico,
una fiaccolata,
sul cielo ucraino si era riversata,
bruciando il peccato e i suoi sostenitori,
sterminando il comunismo assieme ai suoi errori.

Il comunismo, il nemico di Dio per eccellenza,
ci insegnava, che il mondo sarà migliore
senza Dio e la sua presenza,
con i suoi insegnamenti induriva i cuori,
distruggendo intellettuali, chiamandoli disertori.

La presunzione amplificata dall'essere umano,
fu incenerita...
con lei moriva piano piano l'inganno,
Fu un inizio della fine,
unione sovietica era destinata ad essere finita.

"Il nome della stella è Assenzio"
Chernobyl significa esattamente questo,
città ucraina che ora vive nel silenzio,
fu avvelenata dal sapore amaro,
ma il numero dei morti rimase paradossalmente modesto.

Il tasso di radiazione sprigionata
fu 500 volte più forte di Nagasaki,

123

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

10 commenti:

  • Giacomo Scimonelli il 21/06/2010 00:22
    brava... sei riuscita a mettere in versi un argomento così importante.
  • Dolce Sorriso il 06/05/2010 16:56
    poesie importante...
    apprezzata molto
  • tania rybak il 06/05/2010 01:23
    i tumori nascono per molte cause:alimentazione sbagliata, fumo, alcol, stress, ambiente ecc... leggendo diversi libri sul argomento mi sono resa conto, che nessuna certezza porta le malattie a Chernobyl, a parte i morti che ci sono stati all'inizio, altri sono un grande punto interrogativo... baci a tutti
  • Paola B. R. il 06/05/2010 00:56
    Eppure sono dell'idea che tanti tumori che oggi ci sono in giro (moltissimi), siano dovuti anche a quella catastrofe... qui, l'avevano detto che i danni si sarebbero visti col tempo...
  • Nicola Lo Conte il 05/05/2010 21:59
    Se avessimo rispetto della natura potremmo vivere bene e in pace su questo pianeta... Purtroppo la maggioranza degli esseri umani si comporta bene solo per paura!
  • denny red. il 03/05/2010 23:40
    scienziati.. psicologia.. maestri del sapere.. libri.. ancora oggi studiano un perchè.. ricerco parole in un niente
    mi viene da vomitare, brucio tutto, stò in silenzio.. che dio preghi per loro!
    PPREGA PER NOI MADRE DI DIO
    bella tania. Un abbraccio.
  • loretta margherita citarei il 03/05/2010 16:56
    bei versi, ma non credo che si stiano avverando i capitoli apocalittici, si sta avverando solo la scellerataggine dell'uomo che rovina l'ambiente, viviamo il giorno, come scritto nella parabola evangelica della santa provvidenza, senza allarmismi, ringraziando il cielo del dono della vita. ciao, piccola, un bacione
  • tania rybak il 03/05/2010 16:22
    è uno dei ricordi più tristi che custodisco nella mia memoria, sono triste per le vittime di quel disastro e non riesco a tollerare la superbia dell'uomo, quando dice che la scienza è più grande di Dio, povera gente, che si strangola da sola,"PADRE NOSTRO PERDONA LORO!", TANTI BACI RAGAZZE, con affetto
  • laura marchetti il 03/05/2010 15:35
    gli uomini fanno i disastri e poi... sono come bambini spaventati quando lasciano il rubinetto aperto... vedi anche la marea nera dell'Oceano... profezie o incapacità dell'uomo di gestire cose più grandi di lui
  • alice costa il 03/05/2010 13:59
    la tua descrizione cosi analitica di quella tragedia mi ha riportato a quei giorni e a ciò che lentamente noi qui avevamo saputo... la scienza può fallire... specialmente per quelle vecchie centrali che mancavano totalmente di blocchi di sicurezza...
    sai che nella mia città qualche anno dopo c'è stato un boom di leucemie attribuite proprio a Chernobyl?
    concordo con te solo Qualcuno conosce la giustizia!
    Brava...

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0