PoesieRacconti utilizza cookie, anche di terze parti, per personalizzare gli annunci. Per informazioni o negare il consenso clicca qui.     Chiudi

Città

mindi stavu iendu pè fatti mei
cu nu temp'è lupi
chi s'accaniva suppr'e casi e a genti
acqua d'avanzi e ventu d'arretu
Maria Santissima
stufu i pigghiari ventu e acqua
pigghiu l'atobus
parimu acciughi
genti ianca, niguri, cuna fimmina
carchiduna puru bedda
cind'è unu, omu, chippari mortu
forsi è tossicupendenti, pensu ieu
ma chicc'iava pendiri ancora n'u capisciu
beniditt'ù Signuri
chi vita chi si faci 'nda stì città
megghiu centu voti a nostra terra
pani e fimmini bboni
vabbè 'ndama izzari ch'è ancora scuru
ma volìti mèntiri u nostru silenziu
c'ù vostru casinu?
lassamu pèrdiri ch'è megghiu
m'indivaiu a casa, tantu non servi parrari
se non si cangia.

 

0
3 commenti     0 recensioni    

un altro testo di questo autore   un'altro testo casuale

0 recensioni:

  • Per poter lasciare un commento devi essere un utente registrato.
    Effettua il login o registrati

3 commenti:

  • denny red. il 03/05/2010 23:03
    caotica città, tutto vive, tutto muore..
    bella! ignazio bravo!
  • Anonimo il 03/05/2010 17:51
    ciao loretta... sembra che ci rincorriamo...
    ah.. scusa Ignazio.. ... bella anche questa.. molto!!
  • loretta margherita citarei il 03/05/2010 16:09
    il caos cittadino, piaciuta molto

Licenza Creative Commons
Opera pubblicata sotto una licenza Creative Commons 3.0